TV Shows | Ah! My Goddess: Itsumo Futari De | Other Download
Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
gioved 18 ottobre 2018

James Stewart

Il perfetto americano

Nome: James Maitland Stewart
Data nascita: 20 Maggio 1908 (Toro), Indiana (Pennsylvania - USA)

Data morte: 2 Luglio 1997 (89 anni), Los Angeles (California - USA)
occhiello
Se non fossi io a dirtelo, ti direi che sei la pi carina della citt.
Allora perch non lo dici?
Non so, forse te lo dir.

dal film La vita meravigliosa (1946) James Stewart George Bailey
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
James Stewart
Festival di Berlino 1962
Premio miglior attore per il film Mister Hobbs va in vacanza di Henry Koster

Festival di Venezia 1959
Premio miglior attore per il film Anatomia di un omicidio di Otto Preminger

Premio Oscar 1959
Nomination miglior attore per il film Anatomia di un omicidio di Otto Preminger

Premio Oscar 1950
Nomination miglior attore per il film Harvey di Henry Koster

Premio Oscar 1946
Nomination miglior attore per il film La vita meravigliosa di Frank Capra

Premio Oscar 1940
Premio miglior attore per il film Scandalo a Filadelfia di George Cukor

Premio Oscar 1940
Nomination miglior attore per il film Scandalo a Filadelfia di George Cukor

Premio Oscar 1939
Nomination miglior attore per il film Mister Smith va a Washington di Frank Capra



La donna che visse due volte

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,87)
Un film di Alfred Hitchcock. Con Kim Novak, James Stewart, Tom Helmore, Henry Jones, Barbara Bel Geddes.
continua»

Genere Giallo, - USA 1958. Uscita 21/10/2013.

La finestra sul cortile

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,59)
Un film di Alfred Hitchcock. Con Raymond Burr, Thelma Ritter, Wendell Corey, James Stewart, Grace Kelly.
continua»

Genere Giallo, - USA 1954.

La vita meravigliosa

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,65)
Un film di Frank Capra. Con Gloria Grahame, Thomas Mitchell, Lionel Barrymore, James Stewart, Henry Travers.
continua»

Genere Fantastico, - USA 1946.

La conquista del West [2]

* * * * -
(mymonetro: 4,05)
Un film di John Ford, George Marshall, Henry Hathaway. Con George Peppard, Henry Fonda, Gregory Peck, John Wayne, Richard Widmark.
continua»

Genere Western, - USA 1962.

L'uomo che sapeva troppo

* * * * -
(mymonetro: 4,25)
Un film di Alfred Hitchcock. Con James Stewart, Doris Day, Bernard Miles, Daniel Glin, Brenda De Banzie.
continua»

Genere Spionaggio, - USA 1956.
Filmografia di James Stewart »

mercoled 3 ottobre 2018 - Non c' dubbio che a Gibson non manchino le intuizioni e che anche in questo lavoro ci metter del suo.

Mel Gibson girer il remake de Il mucchio selvaggio

Pino Farinotti cinemanews

Mel Gibson girer il remake de Il mucchio selvaggio Non c' dubbio che a Gibson non manchino le intuizioni. Diciamo che nelle sue scelte che ci ha messo del suo con un linguaggio non convenzionale, sconcertante, magari estremo, basta un richiamo a film come La Passione, o Apocalypto, e a Braveheart, titoli capaci di accordare, al massimo livello, il giudizio critico col botteghino. Gibson sta lavorando al remake de Il mucchio selvaggio, il classico western di Sam Peckinpah. Ha gi scritto la sceneggiatura e sar produttore del film per la Warner. The Wild Bunch merita un racconto, diciamo una retrospettiva. Non improprio dire che nel 1969, quando usc, rappresentava una sorta di chiusura di una parabola del genere. Il western una cosa seria. il genere pi completo, possiede, meglio, possedeva, tutti i codici felici del cinema: scenari secondo il contesto, i fiumi e le praterie, i boschi e il deserto. Era il segnale di una nazione che si stava formando, grande nazione, in prospettiva la pi grande. E poi, l'eroe: colui che individualmente portava giustizia nella collettivit. Il bandito che rapinava la banca veniva catturato. E c' di pi, il popolo del cinema stava dalla parte dell'eroe. Infine gli indiani che erano gli antagonisti, erano i cattivi. Tutto questo era il western, che niente aveva a che fare con il west, quello vero, che era un collettore delle peggiori emigrazioni del mondo. L'uomo del west non era Gary Cooper, o John Wayne, o James Stewart, era un disperato, magari un criminale in fuga o un avventuriero senza un destino.

Le donne del west erano davvero poco avvenenti, basta un dagherrotipo della famosa Calamity Jane, che non era la Doris Day dei film, era un mostro. Alla fine degli anni sessanta, con la generale riforma culturale, chiamiamola cos, il cinema decise che il western doveva evolversi, diventare "west", e cos cambiarono i modelli. Per cominciare occorreva rendere giustizia agli indiani, una razza di fatto annientata. E cos il generale Custer, da eroe diventava genocida, il selvaggio e crudele Geronimo, diventava simbolo di ribellione e libert. Il concetto di eroe senza macchia veniva derubricato ad avventuriero con un trascorso sporco, magari ex galeotto, con un piccola intenzione di redenzione finale, per forza.
Dunque non pi Il cavaliere della valle solitaria, Mezzogiorno di fuoco, Sentieri selvaggi, Sfida all'O.K Corral, Un dollaro d'onore, ma Il piccolo grande uomo, Butch Cassidy, Un uomo chiamato cavallo, Soldato blu, e, appunto, Il mucchio selvaggio. Un dato pu essere questo: nel corso di tutte le stagioni dorate del genere non una volta un western, neppure uno dei capolavori citati sopra, ha ottenuto un Oscar. Nella successive stagioni, con l'evoluzione "realistica" ecco i riconoscimenti, con Balla coi lupi, una romantica indicazione ecologica con tanto di lingua indiana a prevalere, e poi con Gli spietati, dove Clint Eastwood davvero non assomigliava a Wayne e a Cooper.

Mucchio selvaggio , in questo senso, un perfetto paradigma. Gli "eroi" sono una banda che ha fatto una rapina, siamo negli anni della rivoluzione messicana, primo Novecento. Riparano in un villaggio e si mettono a disposizione dei governativi che combattono Pancho Villa. Ma alla fine, gli "sporchi" si schierano con la rivoluzione, sapendo che non ne usciranno vivi. Sopra ho scritto "per forza": la redenzione dei cattivi. Fa storia la sparatoria finale, con quel montaggio travolgente, in apnea.

The Wild Bunch un titolo santificato. Nel 1999 stato dichiarato degno di conservazione e inserito nel cartello del National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. L'anno prima l'American Film Institute l'aveva inserito fra i migliori cento film americani di sempre. Tutto questo pregresso stato acquisito, come storia e cultura, da Gibson, che certo si ritrova in tutti quegli estremi e nella violenza. E non c' dubbio che ci metter del suo caricando ulteriormente.

   

Altre news e collegamenti a James Stewart »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | [email protected]
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità