English-Spanish Interpreter | Noite de Lobos 720p | 1080p Dublado – Torrent Download (2018) 5.1 | 57 Telecharger Lost Odyssey – XBOX 360 Gratuit Lost Odyssey XBOX 360 telecharger torrent Le deuxième de deux projets de RPG épique pour Microsoft par Mistwalker, le studio fondé par...

La vita segreta delle parole

Film 2005 | Drammatico 112 min.

Titolo originaleLa vida secreta de las palabras
Anno2005
GenereDrammatico
ProduzioneSpagna
Durata112 minuti
Regia diIsabel Coixet
AttoriSarah Polley, Tim Robbins, Julie Christie, Javier Cámara, Eddie Marsan, Steven MacKintosh .
Uscitavenerdì 17 marzo 2006
DistribuzioneBim Distribuzione
MYmonetro 2,74 su 42 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Isabel Coixet. Un film con Sarah Polley, Tim Robbins, Julie Christie, Javier Cámara, Eddie Marsan, Steven MacKintosh. Titolo originale: La vida secreta de las palabras. Genere Drammatico - Spagna, 2005, durata 112 minuti. Uscita cinema venerdì 17 marzo 2006 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 2,74 su 42 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La vita segreta delle parole tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una donna in fuga dal proprio passato su una piattaforma petrolifera. In Italia al Box Office La vita segreta delle parole ha incassato nelle prime 10 settimane di programmazione 218 mila euro e 58,4 mila euro nel primo weekend.

La vita segreta delle parole è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,74/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 2,58
PUBBLICO 3,24
CONSIGLIATO SÌ
Due anime bruciate dal passato.
Recensione di Mattia Nicoletti
Recensione di Mattia Nicoletti

Prodotto fra gli altri da Pedro Almodovar, questo film spagnolo interpretato da Tim Robbins e Sarah Polley, è un viaggio nell'anima di due persone entrambe sconvolte dalla loro esistenza.
Hanna, vive sola, non parla con nessuno ed è maniacale nelle cose che fa. Le sue giornate sono ossessive, suddivise fra la casa silente e la fabbrica tessile in cui lavora, e il suo capo ritiene che lei debba fare un mese di vacanza per ritornare a sorridere. Hanna trascorrerà questo periodo su una piattaforma petrolifera, dove accudisce Josef, temporaneamente cieco per le ustioni procuratisi in un incidente. I due si immergeranno nel dolore dei loro ricordi per liberare paure scolpite negli occhi. Isabel Coixet dirige un film che ha forse il suo peccato veniale nell'apertura finale. Il lento e freddo incedere della bravissima protagonista (già utilizzata dalla regista in La mia vita senza me) che rivela attimo dopo attimo la sua incapacità a vivere le emozioni, ricorda lo stile del Dogma di Lars Von Trier, senza averne la stessa incisività. I dialoghi (sono praticamente dei soliloqui), i primi piani, la luce plumbea affascinano troppo presto, per perdersi nell'ultima parte, rendendo universale ciò che è profondamente personale.

Sei d'accordo con Mattia Nicoletti?
LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€6,50
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 27 novembre 2012
federico munari

La vita segreta delle parole Fin dalle prime immagini sembra che la regista voglia avvertirci della possibilità che alcuni contenuti importanti restino nascosti senza una disponibilità e una capacità di vedere oltre ciò che immediatamente appare. Tra lo scorrere dei titoli di testa e dei nomi dei protagonisti appaiono fugacemente i temi (Love, believe, silence, pain, cut, minutes, rain, friends, [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 novembre 2012
federico munari

La vita segreta delle parole Fin dalle prime immagini sembra che la regista voglia avvertirci della possibilità che alcuni contenuti importanti restino nascosti senza una disponibilità e una capacità di vedere oltre ciò che immediatamente appare. Tra lo scorrere dei titoli di testa e dei nomi dei protagonisti appaiono fugacemente i temi (Love, believe, silence, pain, cut, minutes, rain, friends, [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 settembre 2013
Filippo Catani

Uma giovane ragazza lavora da anni in una fabbrica inglese e durante questo periodo non ha mai nè preso un giorno di malattia nè un giorno di ferie. Per questioni sindacali la ragazza viene allora "costretta" ad andare in ferie. Sentendo casualmente una conversazione in cui un uomo sta cercando un'infermiera si ritroverà in una piattaforma petrolifera ad accudire [...] Vai alla recensione »

sabato 16 agosto 2014
gianleo67

Hanna è giovane e bella e nonostante la sordità, lavora in una fabbrica di imballaggi nel Nord dell'Inghilterra dove conduce una vita semplice e riservata, nascondendo agli altri e forse a se stessa il ricordo e le tracce indelebili di un terribile segreto che hanno segnato la sua giovinezza. Quando è costretta dal suo capo a prendere un lungo periodo di ferie, trova casualmente [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 dicembre 2013
THEOPHILUS

LA VIDASECRETADE LAS PALABRAS   Hanna è persona silenziosa, distaccata e la sua riservatezza desta inquietudini fra le persone che la circondano. Il suo comportamento anomalo all’interno dell’ambiente di lavoro finisce per destare sospetti e invidie fra i colleghi. Il suo datore l’obbliga a prendersi un periodo di ferie.

domenica 11 marzo 2012
Francesco2

Prendendo in prestito alcune parole di Primo Levi, ci si può rifare a quanto detto una settimana fa (Circa) nella trasmissione televisiva "Che tempo cghe fa". Dove si  affermava che ognuno di noi ha una zona sua, personale (Forse "Morta", aggiungo io, citando un Cronenberg non indimenticabile) che andrebbe lasciata in pace.

sabato 20 marzo 2010
paride86

Un film drammatico e molto profondo che ha il pregio di insistere su un tema oggi parecchio dimenticato: la guerra dei Balcani. Tutti gli attori sono molto bravi e la scelta di ambientare la storia su una piattaforma è densa di significato e serve ad inquadrare psicologicamente un po' tutti i personaggi. Anche il modo in cui è girato il film, senza fronzoli, è [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 marzo 2011
paperino

Non  capisco come questo film sia stato poco valutato da una certa critica. Quello che ho più apprezzato è la misura  nell'affrontare un tema tanto drammatico e l'abilità della regista nel dipanare  lentamente  davanti ai nostri occhi una vicenda  che non può non restare  impressa nella nostra mente e nelle nostre emozioni. E&# [...] Vai alla recensione »

Frasi
Josef: "Stavo pensando che... tu e io... potremmo forse andare insieme da qualche parte uno di questi giorni... Oggi. Adesso. Vieni con me Hanna!"
Hanna: "No, io... penso che questo non sia possibile."
Josef: "Perché no?"
Hanna: "Perché penso che se andassimo da qualche parte insieme ho paura che un giorno, forse non oggi, forse neanche domani ma all'improvviso un giorno... ho paura che comincerei a piangere a piangere così forte che niente e nessuno potrebbe fermarmi e lacrime riempirebbero la stanza, io non riuscirei più a respirare e ti trascinerei giù insieme a me e affogheremmo insieme."
Josef: "Imparerò a nuotare, Hanna. Te lo prometto. Imparerò a nuotare."
Dialogo tra Hanna (Sarah Polley) - Josef (Tim Robbins)
dal film La vita segreta delle parole - a cura di Mattia Luraschi
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Dario Zonta
L'Unità

Il cinema, nonostante il famoso aforisma che lo definisce «la morte al lavoro», riesce sempre meno a raccontare la morte, soprattutto nel momento in cui viene negata come possibilità, patologia tutta occidentale. La rimozione della morte e l'incapacità di immaginare un futuro sono, invece, il tema del film di Isabel Coixet La vita segreta delle parole.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

La catalana Isabel Coixet è davvero un'"autrice" e molto interessante. Per La vita segreta delle parole ha inventato una storia, un ambiente, situazioni e personaggi tutti originali, che non ci sembra di aver già visto, letto, conosciuto. Su una piattaforma petrolifera spersa in un mare del nord vivono pochi addetti in attesa dell'imminente smobilitazione, tra loro un giovanissimo oceanografo, un [...] Vai alla recensione »

Silvana Silvestri
Il Manifesto

Protagonista trionfale della serata dei Goya, Isabel Coixet ha conquistato con La vita segreta delle parole ben quattro prestigiosi riconoscimenti del cinema spagnolo, cinematografia quanto mai in crescita. Ma questa non è una delle solite pazze commedie sociali, sovversive e scombinate che arrivano anche sui nostri schermi. Si tratta di una elaborazione controllatissima sulla violenza contro le donne [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Una piattaforma petrolifera isolata nel mare. Un uomo che, nel vano tentativo di salvare un amico da un incendio, si è gravemente ustionato, perdendo temporaneamente la vista. Una giovane infermiera che lo assiste. Menomata anche lei, perché affetta da una sordità cui pone riparo solo con un apparecchio acustico. Anche per questo parla poco, ma tace soprattutto su di lei e sul suo passato avvolto nel [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Le parole hanno dunque una vita? Forse sì, se profferite hanno il potere di far prorompere un dolore che fino a quel momento si era riusciti a imbrigliare, a tenere a bada in qualche remoto angolo della psiche. Questo suggerisce La vita segreta delle parole della catalana Isabel Coixet, un film ambientato in massima parte su una piattaforma petrolifera dell'Irlanda del Nord.

Raffaella Giancristofaro
Film Tv

Ci sono molti motivi per rintanarsi su una piattaforma petrolifera: c’è chi lo fa per studiare l’ecosistema, come Martin, oceanografo. Chi per dimenticare di aver tradito un amico, come Josef. Chi, come Simon, cuoco sopraffino, per paura di affrontare la terra. Chi con la scusa di prendersi cura di un malato, come Hanna, per dimenticare se stessa e le violenze subite durante una guerra di cui più nessuno [...] Vai alla recensione »

Roberta Bottari
Il Messaggero

Dal momento che hai una vita interiore, conduci una doppia vita. E le parole a volte riescono ad uscire, altre si perdono nel viaggio dalla mente alla gola. Ad Hanna (Sarah Polley), una giovane donna dell'Est, non escono quasi mai. La sua è un'esistenza piatta, votata ad evitare emozioni. Hanna è sorda. Ha un apparecchio che la mette in grado di sentire, ma non lo accende: il silenzio è la sua arma [...] Vai alla recensione »

Raffaella Giancristofaro
Film Tv

«Il cibo, il piacere di cucinare e di mangiare bene (quando si ha questa fortuna) è uno dei temi principali del film. Un altro è lo scherzo - fare una battuta - perché in quel momento non è possibile fare nient’altro. Queste due cose ci ricordano che, nonostante tutto, la vita può essere considerata un dono». Fa bene la regista e scrittrice barcellonese Isabelle Coixet a chiarire con quest’affermazione [...] Vai alla recensione »

Mariuccia Ciotta
Il Manifesto

Nella sezione «Orizzonti», il film di Isa-belle Coixet, cineasta e scrittrice nata a Barcellona nel ‘62, La vida secreta de las palabras, la vita segreta delle parole, innanzitutto quelle di John Berger, poeta, scrittore, storico dell’arte e molte cose ancora, che fa da «padrino» al film e che in una nota evoca il neorealismo italiano: «Questo film è stato concepito su un terreno che si estende a un [...] Vai alla recensione »

Alessandra De Luca
Ciak

Hanna (Sarah Polley), solitaria, misteriosa, impegnata a dimenticare un oscuro passato, viene portata in mezzo al mare, su una piattaforma petrolifera, per curare un uomo vittima di un incidente. Ricoperto di ustioni, Joseph (Tim Robbins) ha temporaneamente perso la vista e attraverso l’ironia delle sue battute lotta per non perdersi nella follia. Hanna invece usa la propria sordità per difendersi [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
Vanity Fair

Sarah Polley è sorda, piena di brutti ricordi e, su una piattaforma petrolifera in mezzo al mare, assiste Tim Robbins, grande ustionato nonché reso cieco da un incidente. Con la complicità di un cuoco spagnolo, tra le due anime alla deriva si stabilisce un rapporto intimo e com plesso. Gli interpreti sono bravi e il film non è male. Non giova, però, che la regista Coixet non rinunci ai vezzi del «cinema [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

È un caso – di autolesionismo – da studiare. Come fa una regista, bravissima fino a tre quarti del film, a rovinare tutto nel finale. Come fa una regista, dopo aver tenuto saldamente in pugno la situazione – e non era facile, visto che siamo su una piattaforma petrolifera, con un ferito grave e qualche matto per contorno – a giocarsi contro in maniera così feroce.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Bisognerebbe sempre seguire il primo istinto. La vita segreta delle parole è un titolo che invita caldamente a starsene a casa. Chi invece ama il rischio avrà di che pentirsene. Perché il drammone esistenziale scritto e diretto dalla spagnola Isabel Coixet e sponsorizzato da Pedro Almodóvar, probabile ispiratore di un furtivo e (inutile) bacio gay, è una sensazionale pizza.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati