Grand Theft Auto: San Andreas | Bonhomme (2018) | One Piece 353

Diaz - Non pulire questo sangue

Film 2012 | Drammatico 120 min.

Regia di Daniele Vicari. Un film Da vedere 2012 con Claudio Santamaria, Jennifer Ulrich, Elio Germano, Davide Iacopini, Ralph Amoussou. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2012, durata 120 minuti. Uscita cinema venerdì 13 aprile 2012 distribuito da Fandango. - MYmonetro 3,49 su 96 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Diaz - Non pulire questo sangue tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un film di Daniele Vicari sui fatti accaduti alla scuola Diaz a Genova durante il G8. Il film ha ottenuto 7 candidature e vinto 3 Nastri d'Argento, 13 candidature e vinto 4 David di Donatello, In Italia al Box Office Diaz - Non pulire questo sangue ha incassato 1,9 milioni di euro .

Diaz - Non pulire questo sangue è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,49/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,04
PUBBLICO 3,91
CONSIGLIATO SÌ
Un film di forte impegno civile.
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 12 febbraio 2012
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 12 febbraio 2012

Luca è un giornalista della Gazzetta di Bologna (giornale di centro destra) che il 20 luglio 2001 decide di andare a vedere di persona cosa sta accadendo a Genova dove, in seguito agli scontri per il G8, un ragazzo, Carlo Guliani, è stato ucciso. Alma è un'anarchica tedesca che ha partecipato agli scontri e ora, insieme a Marco (organizzatore del Social Forum) è alla ricerca dei dispersi. Nick è un manager francese giunto a Genova per seguire il seminario dell'economista Susan George. Anselmo è un anziano militante della CGIL che ha preso parte al corteo pacifico contro il G8. Bea e Ralf sono di passaggio ma cercano un luogo presso cui dormire prima di ripartire. Max è vicequestore aggiunto e, nel corso della giornata, ha già preso la decisione di non partecipare a una carica al fine di evitare una strage di pacifici manifestanti. Tutti costoro e molti altri si troveranno la notte del 21 luglio all'interno della scuola Diaz dove la polizia scatenerà l'inferno.
Fino a qui la parte iniziale del film a cui vanno fatti seguire dei dati che non sono cinema ma cronaca giudiziaria. Alla fine di quella notte gli arrestati furono 93 e i feriti 87. Dalle dichiarazioni rese dai 93 detenuti (molti dei quali oggetto di ulteriori violenze alla caserma-prigione di Bolzaneto) nacque il processo in seguito al quale dei più di 300 poliziotti che parteciparono all'azione 29 vennero processati e, nella sentenza d'appello, 27 sono stati condannati per lesioni, falso in atto pubblico e calunnia, reati in gran parte prescritti. Mentre per quanto accaduto a Bolzaneto si sono avute 44 condanne per abuso di ufficio, abuso di autorità contro detenuti e violenza privata (in Italia non esiste il reato di tortura).
Gli elementi di cui sopra sono indispensabili per fare memoria su un episodio avvenuto in una scuola dedicata a colui che firmò il bollettino di guerra della vittoria nel 1918 è che è stata teatro della più grave disfatta del diritto democratico della nostra storia recente. Il film di Vicari si colloca all'interno del cinema di denuncia civile di cui Rosi e Lizzani sono stati maestri e che richiama, per la forza e la lucida coerenza della narrazione il Costa Gavras di Z- L'orgia del potere. Vicari non si nasconde dietro a nessun facile manicheismo come quello di chi tuttora considera i Black Block solo dei 'compagni che sbagliano'. Ne mostra in apertura le devastazioni e, così facendo, può permettersi di proporre un film che si muove su un piano eticamente elevato. Così come solo chi è in malafede potrà accusare Diaz - Non pulire questo sangue di essere 'contro la polizia'. E' sicuramente contro ma con l'opposizione e la denuncia di quel tumore che può pervadere (così come è accaduto) un'istituzione la cui finalità e quella di mantenere l'ordine democratico e non di esercitare violenza fisica e psicologica su chi ritiene di dover sottoporre a controlli o restrizioni di libertà. Dal punto di vista cinematografico poi questo è un film senza star. Ognuno ha il proprio ruolo che si immerge e riemerge come un corso d'acqua carsico nei gironi degli inferi di quella notte. Una notte da dimenticare diranno alcuni. Una notte da ricordare afferma con forza e rigore questo film. Perché fatti simili non accadano più.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
DIAZ - NON PULIRE QUESTO SANGUE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 3 giugno 2012
davide chiappetta

Dopo i corpi e la dignità, quello che crolla sotto i colpi di manganello è l'obbiettività e il distacco critico; l'imparzialità va in frantumi: cause e moventi tacciono annichiliti. Vicari sceglie di filmare la forza d'urto dell'abuso, il suo impatto emotivo, evitando (di poco) il documentarismo attraverso una costruzione narrativa labirintica, specchio [...] Vai alla recensione »

sabato 14 aprile 2012
diomede917

Il 21 Luglio del 2001 tra le 22 e mezzanotte all’interno di uno Stato democratico i diritti umani son stati calpestati, umiliati e massacrati….quella notte alla Scuola Diaz verrà ricordata per sempre come la Macelleria messicana (termine usato dal vicequestore Michelangelo Fournier). Diaz parla dei giorni che hanno preceduto quell’evento, parla di una maledetta bottiglia [...] Vai alla recensione »

domenica 15 aprile 2012
angelo umana

 E’ stato interessante vedere il film dopo una presentazione in sala fatta dal regista Daniele Vicari e dal produttore Domenico Procacci. Vicari ha raccontato che dopo una proiezione a Palermo una giornalista locale gli ha scritto in privato ringraziandolo e raccontandogli che suo marito, poliziotto, quel 21-7-2001 non si trovò nella Scuola Diaz per puro caso, ma che se avesse dovuto [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 giugno 2015
sergio dal maso

“Le azioni erano mostruose, ma chi le fece era pressoché normale, né demoniaco né mostruoso (….) penso che il male estremo non possegga né la profondità né una dimensione demoniaca, può invadere e devastare tutto il mondo perché cresce in superficie come un fungo (….) esso sfida il pensiero, ma il pensiero cerca di raggiungere [...] Vai alla recensione »

martedì 17 aprile 2012
MargheritaConWurstel

"Diaz - Don't clean up this blood" è un film di Daniele Vicari sui fatti realmente accaduti alla scuola Diaz di Genova in occasione del G8 nel Luglio 2001. Il film, girato quasi interamente fuori dai confini italiani, è incentrato sulle "verità" emerse dalle circa diecimila pagine di carte processuali e sulla sentenza di primo grado del 13 Novembre 2008 e di appello del 18 Maggio 2010 che in parte [...] Vai alla recensione »

martedì 1 maggio 2012
giacomogabrielli

'Diaz' è un capolavoro. Daniele Vicari sprigiona tutta la sua potenza registica e la concentra in quello che è il miglior film italiano degli ultimi 15 anni e uno dei migliori di sempre. La freddezza con la quale il regista de 'Il passato è una terra straniera' immortala i fatti accaduti nel 2001 a Genova è impressionante.

sabato 16 giugno 2012
Michela Siccardi

Definirla una pellicola di “impegno civile” è ridicolmente limitativo, è minimizzare ciò che non può essere ricondotto a misura. Parlare dei fatti del G8 di Genova, narrati in modo ferreo dal regista Vicari, come di una “sospensione del diritto e della democrazia” è perbenismo e bocca lavata.

lunedì 16 aprile 2012
renato volpone

Il film comincia con riprese ravvicinate, forse troppo, inquadature  basse che non lasciano respiro allo sguardo, si teme la manipolazione delle immagini per far colpo sullo spettatore, visto il tema trattato, ma il racconto di questo "orrore dello Stato" si sviluppa lentamente, con scene temporalmente disgiunte che si riuniscono man mano nella costruzione della vicenda in tutta  [...] Vai alla recensione »

domenica 15 aprile 2012
Dario85

  Non un film politico. Un film di esigenza. Perché, come ben racconta quel ‘Non pulire questo sangue’ sparato nel sottotitolo, l’obiettivo e la cifra meritoria di Vicari stanno proprio nell’ evitare che un Paese troppo avvezzo alla memoria corta, possa mandare in prescrizione anche le sue vergogne recenti. Nel cinema socio-politico, a cui Diaz è stato [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 aprile 2012
anty_capp

Non solo al termine, ma durante tutta la visione del film, si spera che ci sia un appiglio, una speranza, una giustificazione che spieghi tutto l'orrore in cui noi italiani con questo film ci riflettiamo. Vicari invece non mi ha lasciato una speranza. Nè durante la visione, nè al termine quando attonito e distorto nell'espressione del volto mi sono alzato e sono uscito dalla [...] Vai alla recensione »

domenica 15 aprile 2012
PerfettA

Sono passati quasi 11 anni ma è come se fosse accaduta ieri, questa vicenda che sconvolse l'Italia. Il film, duro, crudo e doloroso in molti tratti, ha la peculiarità di essere molto realista e di collocare i personaggi in un contorno di vita reale e quotidiana tanto da farceli sentire vicini e famigliari, e quindi da portarci ad entrare in empatia con essi.

venerdì 4 maggio 2012
Franco Cesario

Niente nomi e niente spiegazioni sulle motivazioni del Movimento e le sue ragioni. Tutto questo è vero e costituiscono un errore anche perchè le sentenze ci sono e si poteva avere più coraggio. Ma l’opera di Vicari si intitola “Diaz: don’t clean up this blood” e quindi si concentra sulle vicende capitate nella scuola genovese.

mercoledì 27 marzo 2013
Filippo Catani

Un film decisamente ben fatto e di una crudezza fortissima che ci rimanda ai tragici eventi che si svolsero durante il G8 di Genova del 2001 che si chiusero con la morte di Carlo Giuliani, la città messa a ferro e fuoco da una piccola minoranza di violenti e black block e lo squallido assalto guidato dalla polizia contro chiunque si trovasse a dormire all'interno della scuola Diaz.

domenica 15 aprile 2012
Massimiliano Morelli

Non un film politico. Un film di esigenza. Perché, come ben racconta quel ‘Non pulire questo sangue’ sparato nel sottotitolo, l’obiettivo e la cifra meritoria di Vicari stanno proprio nell’ evitare che un Paese troppo avvezzo alla memoria corta, possa mandare in prescrizione anche le sue vergogne recenti. Nel cinema socio-politico, a cui Diaz è stato forse troppo [...] Vai alla recensione »

domenica 20 maggio 2012
Stef82

Quando nel luglio del 2001 la città di Genova e i genovesi ospitarono il 27° forum delle potenze mondiali più industrializzate, nessuno poteva immaginare che di lì a poco si sarebbe scritta una delle pagine più tristi del “belpaese”. Tra le 22 e le 24 di quella maledetta notte, quando ormai il G8 era finito, il VI reparto mobile della Polizia [...] Vai alla recensione »

domenica 22 aprile 2012
ANNAR.

Questo film racconta e svela una storia: la nostra storia. Questa volta l'impatto è più che mai diretto, impatto che stimola un'intensa riflessione su verità, valori ormai quasi totalmente stravolti, poichè quello nostro è un vero e proprio "mondo capovolto", in cui giustizia e verità si dissolvono gradualmente, non trovando più spazio [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 ottobre 2012
Tanus78

Un film di questo tipo, un film dannatamente importante per la nostra storia recente, non può che essere anche un film politico. "Politico" nel dare almeno una parziale chiave di lettura politica dei fatti al di là della semplice cronaca dei "fatti". Invece no. La polemica è contestuale al lancio e aiuta (com'è ovvio) la pubblicità.

mercoledì 13 giugno 2012
n.j di girolamo

21 Luglio 2001 Genova , tra le 22 all'interno di una scuola Diaz entrano migliaia di celerini e massacrano questi ragazzi . Nella scuola ci sono giornalisti , studenti , stranieri e civili . Questa è stata una decisione dello stato e tutti i diritti democratici sono stati calpestati. é una film da impegno civile , bello , drammatico , crudele e ci fa vedere molte scene che non sono [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 settembre 2012
Lindo

perchè vedere il film? perchè ti inchioda al divano e se non conosci bene la storia, quì ti viene spiegata in maniera ABBASTANZA fedele alla realtà.. ABBASTANZA NON DEL TUTTO. non aggiungo altro sul film, comunque spendo 2 parole in più: leggendo le varie critiche prima della visione, ero indeciso se vederlo, mi sono fatto coraggio dicendomi "vedilo così potrai giudicare anche tu chi critica".

mercoledì 17 ottobre 2012
Luca Scialo

Genova, luglio 2001. E' in corso il G8 e la città viene messa ferro e fuoco dai Black block. La polizia si scaglia però sui manifestanti inermi e pacifici e come non bastasse massacra la notte del 21 luglio alla scuola Diaz i ragazzi che vi stavano passando la notte. Convinti che fossero Black block.  Dopo alcuni film minori d'impegno sociale, Daniele Vicari alza l'asticella [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 novembre 2012
derriev

"Diaz - Non pulite quel sangue" come film ha un limite; invece come documentario sarebbe valido... ma documentario non è. La trama: i sanguinosi avvenimenti del G8 di Genova del 2001, visti attraverso le esperienze di una decina di personaggi delle opposte fazioni: dimostranti e Polizia nella scuola Diaz. Il film non segue la struttura classica, dato che parla di tante storie ma [...] Vai alla recensione »

martedì 24 aprile 2012
pepito1948

Il vetro può significare tante cose. Un cristallo di Boemia, un colorato manufatto di Murano, una bottiglia di Coca Cola, una finestra…. In ogni caso vetro significa trasparenza, e trasparenza richiama pulizia, nitidezza, limpidezza e, per estensione, tutto ciò che si può ricondurre a queste proprietà, come il rispetto delle regole, la correttezza e quindi la democrazia. [...] Vai alla recensione »

martedì 24 aprile 2012
matteolago

Ho scelto di andare al cineforum a vedere DIAZ con i miei giovani cugini. Entrambi nel pieno dell'adolescenza, entrambi con una coscienza politica del tutto embrionale. Mi piace pensare che possano formarsi un'idea di stato non legata alla Tv propagandistica, alle altrettanto propagandistiche parole dei nostri genitori. Tutti troppo impegnati a pulire via il sangue di stato.

sabato 14 aprile 2012
fabrizio dividi

Quando il cinema si occupa di storia recente si assume molti rischi ed una precisa responsabilità. Rischi perché il ricordo dei fatti è ancora vivido, o almeno così sembra, visto che ognuno è geloso del proprio, e pronto a contestare il punto di vista degli altri; perché ci sono protagonisti in carne ed ossa che si vedono rappresentati sullo schermo in maniera [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 aprile 2012
Lo schiavo Taita

Oggi è il 25 aprile. Ho scelto di vedere questo film oggi, a Pesaro, dove, nella cerimonia di commemorazione del 25 aprile, era presente il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Non è possibile dare giudizi a film di questo genere. A mio parere non si può dire "bello" a un film che ti racconta un fatto di cronaca. Si può fare una valutazione sulla regia (direi ottima), sulla sceneggiatura [...] Vai alla recensione »

mercoledì 18 aprile 2012
il Poeta marylory

LA DIAZ di GENOVA FA STORIA... GENOVA,1960, Parole di Sandro Pertini: « Libertà, giustizia sociale, amor di patria. Noi siamo decisi a difendere la Resistenza. Lo consideriamo un nostro preciso dovere: per la pace dei morti e per l’avvenire dei vivi, lo compiremo fino in fondo. Costi quel che costi». Luglio,1960: il governo TAMBRONI, DC, con l’appoggio MSI, il quale, [...] Vai alla recensione »

domenica 15 aprile 2012
kiarettaflake

film documentario: mi ha lasciato perplessa!!! è vero cio che si racconta ma ci sarebbero state da raccontare anche molte altre cose! Film alquanto unilaterale!

lunedì 23 aprile 2012
Lalli

sconvolta dalla cattiveria dell'animo umano, sono uscita dalla sala in lacrime. perchè già sapevo, sono dieci anni che vado ogni 20 luglio  a Ge x ricordare..ma vedere le mie immaginazioni su uno schermo...è stato sconvogente..e pensare che è un film. figuriamoci cosa è stata la realtà. da italiana chiedo scusa a chi è venuto nel nostro paese [...] Vai alla recensione »

domenica 15 aprile 2012
bull73

un film ottimamente realizzato, se lo si valuta per il limite temporale dei fatti descritti, ovvero nel vergognoso epilogo di quel famigerato G8 di Genova. Intendo per limite temporale il fatto della non descrizione di quello che accadde nei giorni precedenti al massacro della Diaz . Premettendo che non vi è giustificazione possibile per le racapriccianti azioni delle forze dell'ordine [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 aprile 2012
MAMMUT

Sembra ambientato in sudamerica.E' pazzesco che è successo da noi. Lasciamo perdere la politica o parteggiare per i social forum o per la polizia. Bello il commento dell'anziano colpito, "avete fatto una cazzata"

giovedì 19 aprile 2012
giuseppebarletta

Vedere questo film è un dovere morale di ogni italiano!

venerdì 20 aprile 2012
obiscan

OGNI ITALIANO, OGNI EUROPEO, HA IL DOVERE DI ANDARE A VEDERE QUESTO FILM PER RENDERSI CONTO DI QUANTO SIANO LABILI I DIRITTI DI TUTTI NOI CITTADINI!

venerdì 20 aprile 2012
paride86

 Girato come un documentario, "Diaz" è la (purtroppo) fedele ricostruzione di ciò che avvenne in Italia durante il G8 di Genova nel 2001. Triste, atroce e doloroso pugno allo stomaco per lo spettatore, soprattutto se italiano e democratico. Tanti attori famosi ma nessun protagonista: l'ingiustizia - conclamata dalle leggi italiane - domina la scena.

martedì 17 aprile 2012
chissima

un film necessario per conoscere da dove proviene la crisi economica globale. E non è esagerazione: in quelle occasioni, in occasione dei G8 che si susseguirono in quegli anni, furono stabilite le direttive della finanza globale, fu decisa la deregulation dei movimenti dei capitali. Ora perfino Sarkosy sostiene la necessità della Tobin Tax proposta già in quegli anni da Attac.

giovedì 19 aprile 2012
eracle

Il film racconta un episodio vergognoso della nostra storia.Ottima regia, racconto dei fatti come se "visti dall'esterno". E' vero che sono uscito dal cinema con l'amaro in bocca, i titoli di coda, con le varie sentenze, fanno male. Bel film, sicuramente da vedere e da prendere come spunto per una discussione.

mercoledì 18 aprile 2012
ludicrous

Film veramente bello! Molto peso e molto incazzoso, assolutamente da vedere per non dimenticare ciò che è successo. Finalmente un film italiano veramente molto bello! Giusto qualcosina da dire sul montaggio ma in questi casi non ha importanza.

sabato 14 aprile 2012
paapla

Non vedrò il film perché ho ancora rabbia per la macelleria avvenuta nel complesso scolastico Diaz-Pascoli, sede del Genoa Social Forum, improvvisata per l’occasione a camerata dormitorio. Una pagina degne delle peggiori dittature del Centro America. Il secondo governo Berlusconi (2001) inizia con un pestaggio su giovani inermi e finisce a puttane (2011).

sabato 14 aprile 2012
gpistoia39

Spero che questo film aiuti tutti noi a non dimenticare, ma soprattutto, e mi rivolgo ai giovani, non protestiamo lanciando bottiglie e ribaltando macchine di gente che ha avuto la disgrazia di posteggiarla li, ma impariamo a dare un senso e un peso vero alla nostra protesta, senza farci massacrare in questo modo. Il film a mio parere è comunque un ottimo film, ma non si può restare indifferenti a [...] Vai alla recensione »

sabato 28 aprile 2012
molenga

A volte viene da dire, ricostruendo i giorni di Genova, che la morte di  Carlo Giuliani ne ha risparmiate  molte altre, mese in preventivo dal governo e dalla polizia. Per quanto mi riguarda non finirò mai di ringraziare la sorte che mi spinse a evitare la partecipazione al social forum, avevo 21 anni e preferii restare a far baldoria a casa.

mercoledì 25 aprile 2012
remo85

BASTARDI! Ecco casa vorresti gridare a quei poliziotti che hanno compiuto il massacro alla Diaz! E se fossero stati i loro figli? Bastardi, mille volte bastardi! Finalmente all'orizzonte un autore che utilizza il medium cinematografico per compiere una ferocia denucia e al contempo far luce su uno degli episodi più brutti della nostra recente storia contemporanea, mentre i politici, di ogni schieramento, [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 aprile 2012
elisas

se guardi un film e due giorni dopo continua a girarti per la testa, continua ad essere presente nei tuo sonno, continua a farti incazzare e continua a farti paura, a farti pensare che chiunque avrebbe potuto essere là......hai visto Diaz!!!!

sabato 21 aprile 2012
Tjdolan

Ragazzi questo è un grande film, cercate di scrivere e giudicare meglio queste pellicole per cortesia.

domenica 15 aprile 2012
Papetti

Ho trovato questo film veramente ben realizzato. Sicuramente nato sotto la stella di una produzione di altissimo livello dalla propensione internazionale. Tuttavia l'unico messaggio che emerge da questo film è che le forze dell'ordine sono "infami", sono nostre nemiche e dobbiamo guardarci da loro. Un messaggio inaccettabile figlio dell'assenza del contesto su cui inserire [...] Vai alla recensione »

domenica 15 aprile 2012
KateBarret

mercoledì 11 aprile 2012
caterinab

caterinab [11/04/2012] Ho visto ieri questo film durante l'anteprima a Milano, l'ho trovato toccante, molto forte e incisivo, il regista riesce nel suo intento. Credo che nessuno riesca a rimanere impassibile davanti alle scene del massacro, questo perché i fatti accaduti ci feriscono profondamente, e anche grazie alla bravura narrativa di Vicari e degli interpreti.

venerdì 27 aprile 2012
Spike

Se queste sono le forze dell'ordine capisco perchè il nostro Paese sta degenerando. Dove non c'è Giustizia non c'è Democrazia. 

martedì 24 aprile 2012
Dario85

Mi capita sempre più raramente di rimuginare su un film ore dopo averlo visto. Diaz ti fa arrabbiare, soffrire, ti fa chiedere "com'è stato possibile?" Diaz va fatto vedere, va promosso non per condannare qualcuno ma per non dimenticare.

martedì 17 aprile 2012
pressa catozzo

Opera coragiosa in un italia di corta memoria . Una fragole e sangue condita con parmigiano e tarallucci al vino. Come si evince dai titoli di coda non ci saranno mai dei colpevoli o un disprezzo per chi ci governava in quel momento. Un'altro mistero che evaporerà nel tempo e che andrà a fare compagnia alle varie stragi e attentati che ci hanno scadenzato mesi e anni.

venerdì 4 maggio 2012
Jensen

Ho appena visto il film e ne sono rimasta molto sconvolta, per cui quanto scrivo ha più del commento che della recensione. Hannah Arendt (Ebrea) quando qualcuno le diceva :"Mi vergogno di essere tedesco, per le violenze compiute dal mio popolo" rispondeva: "Io sarei tentata di dire che mi vergogno di essere umana"... E mi viene da pensare la stessa cosa leggendo alcuni commenti [...] Vai alla recensione »

martedì 24 aprile 2012
ilaria mattei

"La più grave sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale" – Amnesty International.   E non solo. In quel 21 luglio 2001 la democrazia, già precedentemente sospesa, viene ridotta in frantumi, come suggerisce la bottiglietta di vetro con la quale Daniele Vicari apre il suo film, e che ritorna più volte [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
lunedì 16 aprile 2012
Pino Farinotti

Primo blocco "...Andare a vedere Diaz è un dovere civile. Il film di Daniele Vicari sulle violenze perpetrate da alcuni reparti della polizia durante il G8 di Genova del luglio 2001, non sarà una visione piacevole, non sarà una visione divertente, non sarà una visione conciliante. Sarà, in compenso, un'esperienza memorabile....Questo è il pregio etico ed estetico di questo film potente e commovente: ci investe con un flusso di immagini destinate a restare nella memoria e, ancor di più, riconsegna una storia per immagini che finalmente consente agli italiani della presente e delle future generazioni [...]

Frasi
"Tutto 'sto casino per una cazzo di bottiglia!"
Donata Stranieri (Eva Cambiale)
dal film Diaz - Non pulire questo sangue - a cura di robbè
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Tutto quello che è contenuto nel film di Daniele Vicari Diaz - non pulite questo sangue lo sapevamo già, perché largamente documentatoe testimoniato. Eppure il film provoca un' impressione enorme. Il cinema, nonostante la sua perdita storica di terreno come strumento di formazionee di maturazione delle coscienze, mantiene ancora una potenza straordinaria.

Eric Jozsef
Libèration

La paura, lo smarrimento, la violenza cieca, brutale, impietosa. Con una grandissima abilità di regia, Daniele Vicari ricostruisce la mattanza avvenuta nella scuola Diaz alla fine del G8 di Genova del 2001 e l’ignobile trattamento subìto dagli arrestati nella caserma di Bolzaneto. Le scene di colpi e di sangue sono prolungate ma inevitabili per tentare di rendere conto di una tale violazione dei diritti [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

A Daniele Vicari l’etichetta di cinema civile non piace, eppure le ricadute civili di Diaz ci sono. Tre i meriti fondamentali: ricordare “la più grave sospensione dei diritti democratici in un Paese occidentale dopo la II Guerra Mondiale”, consumata tra la scuola Diaz e la caserma di Bolzaneto durante il G8 di Genova del 2001, su cui è caduto un colpevole oblio; dopo quello sulle stragi di Stato, inaugurare [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Un tempo si diceva Armando Diaz e si pensava al generale della Vittoria nella Grande Guerra, ma dal 21 luglio 2001 quel nome rievoca fatti che si vorrebbe non fossero mai avvenuti. E stavolta a denunciare i panni sporchi non siamo stati solo noi italiani, perché quella notte, nella scuola Diaz, fra gli inermi brutalmente picchiati da una masnada di poliziotti inferociti, si trovavano svariati cittadini [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Dal romanzo di una strage alla cronaca di una mattanza. Dal film di Giordana su Piazza Fontana, con relative polemiche, a Diaz di Daniele Vicari (peraltro diversissimo per taglio, stile, ambizioni), su cui è partito il tiro incrociato. Troppe omissioni dicono i detrattori, in testa l’ex-portavoce del Genoa Social Forum, Vittorio Agnoletto. E soprattutto troppi equilibrismi.

Valerio Caprara
Il Mattino

Parliamo di un’esperienza molto cruda, una sorta di pugno nello stomaco che non lascia vie di fuga agli spettatori non inclini ai film semi-documentaristici a trazione integrale di denuncia. Si può dire, peraltro, che il regista Daniele Vicari si dimostra abile nel gestire il ritmo della propria (re)visione apocalittica e nel ricostruire relativi sfondi, scontri e sadismi sul filo di un’emotiva e frenetica [...] Vai alla recensione »

Ilaria Ravarino
Gioia

Poteva essere un horror. Di quelli che non ti fanno saltare sulla poltrona, ma ti ci inchiodano contro. Di quelli che te li porti dentro, dalla sala a casa, e quando ti chiudi la porta alle spalle sono ancora là, perché vogliono seguirti fino nel letto. Uno di quegli incubi in cui il male ha la faccia distorta di una persona familiare. Impossibile guardare Diaz e restare impassibili di fronte alla [...] Vai alla recensione »

Ilaria Ravarino
Rolling Stone

Il G8 del 2001, 10 anni dopo. È la memoria di colonne di fumo nelle strade, vetrine spaccate, reti e container e grate di ferro nei vicoli di Genova. E il ricordo del battere cardiaco degli elicotteri e del silenzio sordo in piazza mentre la morte di Carlo Giuliani rimbalza di bocca in bocca. È il pensie0ro di quella notte, quella della Diaz, con la polizia che assalta gli occupanti di una scuola così [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

È davvero difficile dare una valutazione critica di Diaz, il film di Daniele Vicari su quella che Amnesty International, nella locandina del film, descrive come «la più grave sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale», ovvero l’irruzione della polizia nell’edificio scolastico temporaneamente adibito a media center dal Genoa Social Forum (occupato anche [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Strano paese, l’Italia. A volte si ha la sensazione che la gente non ascolti. E che da questa sordità intellettuale nascano polemiche inutili. Marco Tullio Giordana dichiara di essersi «liberamente» ispirato ad un libro per Romanzo di una strage, e poi qualcuno gli fa le pulci per essersi distaccato dal libro in questione o, al contrario, per averlo seguito pedissequamente.

Piera Detassis
Ciak

Il dilemma di questa ultima stagione di cinema civile (benven ta dopo il vortice di commediole di cui sembravamo prigionieri) corre Sul crinale scivoloso che separa verosimiglianza da realtà. C’è chi viene contestato per riletture troppo personali, come Marco Tullio Giordana per Romanzo di una strage (ma un film, ricorda il regista, non è un documentario e ragiona sul dubbio), e chi sembra soffrire [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Delle violenze che devastarono Genova, c’è poco o niente. Una piccolissima parte rispetto alla durata della pellicola. Per carità, niente e nessuno può giustificare quello che è avvenuto nella Diaz. Proprio per questo, però, per evitare film preconcetti, sarebbe stato più corretto mostrare le due facce della medaglia, fidandosi un po’di più del giudizio dello spettatore.

NEWS
GALLERY
giovedì 15 marzo 2012
 

Quel giorno, a Genova, tra i migliaia di manifestanti ci sono anche Luca (Elio Germano), giornalista della Gazzetta di Bologna, gli anarchici Alma, Etienne e Cecile, Marco, organizzatore del Genoa Social Forum, e Franci, giovane avvocato del Genoa Legal [...]

NEWS
mercoledì 18 gennaio 2012
 

Il film Diaz - Non pulire questo sangue di Daniele Vicari sarà al Festival di Berlino (9-19 febbraio) nella sezione Panorama. Prodotto dalla Fandango e con protagonisti Elio Germano, Alessandro Roja, Claudio Santamaria, Jennifer Ulrich, Davide Iacopini, [...]

winner
miglior montaggio
Nastri d'Argento
2012
winner
miglior produzione
Nastri d'Argento
2012
winner
miglior sonoro in presa diretta
Nastri d'Argento
2012
winner
miglior montaggio
David di Donatello
2013
winner
miglior fonico in presa diretta
David di Donatello
2013
winner
migliori eff. speciali visivi
David di Donatello
2013
winner
miglior produzione
David di Donatello
2013
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati