Chesil Beach - Il segreto di una notte

Film 2017 | Drammatico +13 110 min.

Titolo originaleOn Chesil Beach
Anno2017
GenereDrammatico
ProduzioneGran Bretagna
Durata110 minuti
Al cinema5 sale cinematografiche
Regia diDominic Cooke
AttoriSaoirse Ronan, Billy Howle, Anne-Marie Duff, Lionel Mayhew, Emily Watson Samuel West, Adrian Scarborough, Bebe Cave, Jonjo O'Neill, Christopher Bowen.
Uscitagiovedì 15 novembre 2018
DistribuzioneCinema
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,78 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Dominic Cooke. Un film con Saoirse Ronan, Billy Howle, Anne-Marie Duff, Lionel Mayhew, Emily Watson. Cast completo Titolo originale: On Chesil Beach. Genere Drammatico - Gran Bretagna, 2017, durata 110 minuti. Uscita cinema giovedì 15 novembre 2018 distribuito da Cinema. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,78 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Chesil Beach - Il segreto di una notte tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il difficile rapporto dei neosposi Edward e Florence, la cui prima notte di nozze segnerà per sempre il loro destino. In Italia al Box Office Chesil Beach - Il segreto di una notte ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 261 mila euro e 127 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,78/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,10
PUBBLICO 3,75
CONSIGLIATO SÌ
Dal romanzo di Ian McEwan, un dramma sentimentale sull'incomprensione, un dialogo tra sordi e le sue brutali conseguenze.
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 14 novembre 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
mercoledì 14 novembre 2018

Inghilterra, 1962. Edward Mayhew e Florence Ponting hanno appena detto 'sì', la loro vita coniugale può cominciare. A passeggio sulla spiaggia di Chesil Beach, marito e moglie raggiungono la camera di un hotel della costa dove si ritrovano soli, vergini uno di fronte all'altro e in attesa di consumare l'amore. Ma una cena sgradevole, sotto gli sguardi irrisori del personale, e un amplesso compromesso dal terrore di fare un passo falso, volgono la prima notte in incubo. Un gesto di riconciliazione, atteso invano dall'una e negato per orgoglio dall'altro, sigillerà il loro destino.

Adattamento del romanzo omonimo di Ian McEwan, adattato da Ian McEwan, Chesil Beach è un dramma sentimentale sull'incomprensione, un dialogo tra sordi e le sue brutali conseguenze.

In un'Inghilterra ancora repressa dalle convenzioni sociali, un uomo e una donna, malgrado la complicità e l'amore condivisi, cambiano radicalmente il corso della loro vita non facendo nulla. Arenati sulla spiaggia la notte del loro matrimonio, falliscono l'amore mentre il mondo fuori fa il suo giro e la rivoluzione sessuale: la pillola contraccettiva è sul mercato da un anno e Mary Quant sta per lanciare la minigonna.

Florence, brillante violinista allevata da una famiglia agiata e conservatrice, incarna l'angoscia di una società alla vigilia di un mutamento ma ancora sessualmente inibita e prigioniera dei suoi tabù. Se il corteggiamento tra i due protagonisti, immersi in un'ambiente bucolico, suggerisce l'innocenza e la goffaggine delle prime esperienze amorose, a sorpresa l'impaccio, l'apprensione e l'imbarazzo non svaniscono avanzando e peggiorano in camera da letto.

Il film mette in evidenza, da un lato e dall'altro del letto, i traumi del passato. Una lunga serie di flashback guidano lo spettatore alla ricerca degli indizi che hanno contribuito a innalzare il muro che separa i due amanti. Edward, studente di storia cresciuto in un milieu modesto, porta sulle spalle il peso di una madre affetta da disturbi mentali, Florence, inibita da un'educazione rigida, ha subito la collera e l'abuso paterno.

Attraverso primissimi piani e dettagli di occhi e mani esitanti, Dominic Cooke restituisce il bagaglio emozionale, il fardello emotivo che incombe sull'idillio. Celebre direttore teatrale londinese, Cooke si affida a Sean Bobbitt, direttore della fotografia di Steve McQueen, per fotografare il mare e le spiaggia su cui naufraga un matrimonio. Gli slanci, come le aspettative disattese dei giovani sposi, non esprimono soltanto le paure di un'epoca conservatrice ma rammentano quanto l'incapacità di dire e di agire possano, qualche volta, rovinare una vita. Ieri come oggi.

La realizzazione, classica e convenzionale, coltiva la tensione fino all'esplosione nel talamo e la rottura di tono sulla riva: l'amor proprio ferito, l'umiliazione, il cruccio di non essere come gli altri, la rabbia, il punto di non ritorno. Saoirse Ronan e Billy Howle, sottilmente inquieti, paralizzati e poi afflitti, interpretano con sottigliezza il flusso di coscienza, la lunga ghirlanda di parole cucite insieme per dire paradossalmente l'impossibilità del dire, il linguaggio impedito, il silenzio soffocante, la paralisi, il niente.

Quello che Edward e Florence non si dicono lo traduce il film: i loro pensieri, le loro inibizioni, le pulsioni, i fantasmi, i blocchi, le tentazioni, le repulsioni, le insofferenze e ogni cosa attraversi le loro menti inquiete senza prendere forma. Se Dominic Cooke al suo debutto, resta fedele alla vocazione teatrale, piantando i suoi personaggi nei décor interni come quelli esterni in maniera statica e lasciando che a muoversi tra loro siano solo il vento e il silenzio, Ian McEwan tradisce incredibilmente il proprio romanzo, finendo per disfarne la finezza psicologica e compromettendone la laconicità.

Perché imporre a Chesil Beach un epilogo 'truccato'? Perché minare l'esito di un racconto sulla frustrazione e il pudore con un eccesso isterico di make-up? Se il McEwan scrittore suggeriva senza enfasi il futuro e la sfortunata sorte dei suoi sposi, il McEwan sceneggiatore immagina per loro un ricongiungimento posticcio mediato da una bambina e un vinile di Chuck Berry. L'artificio che invecchia e oltraggia i volti in fiore dei protagonisti è insopportabile. Il salto nel tempo rifiuta poi agli spettatori la fiducia accordata ai lettori, costringendo i primi ad assistere a un seguito patetico che dimostra soltanto i limiti delle protesi in latex.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 19 novembre 2018
Flyanto

 Tratto dall’omonimo romanzo di Ian Mc Ewan, “Chesil Beach del regista Dominic Cooke ne è la diretta trasposizione cinematografica alla di cui sceneggiatura è intervenuto in prima persona lo stesso scrittore inglese. La storia si dispiega presentando la prima notte di nozze trascorsa in una camera di un hotel nella località balneare inglese, appunto, di Chesil [...] Vai alla recensione »

sabato 17 novembre 2018
lorifu

Sono andata a vedere Chesil Beach perché amo Ian Mc Ewan lo scrittore che mi aveva già emozionato ai tempi di Espiazione.  La curiosità era vederlo all’opera anche come sceneggiatore  del film tratto dal suo libro e diretto dal regista teatrale Dominic Cooke. M’incuriosiva l’argomento trattato,  i tabù e le convenzioni  sociali agli [...] Vai alla recensione »

martedì 13 novembre 2018
Maria teresa

Ho visto il film e l'ho trovato molto intenso. Molto bella l'interpretazione dei 2 attori che si sono calati nei panni di una coppia degli anni 60 nonostante la loro giovane età. Saoirse Ronan meriterebbe finalmente il suo Oscar perchè riesca a dare al suo personaggio un intensità unica nel suo genere. E lui, Billy Howle, bravissimo e bellissimo.

lunedì 12 novembre 2018
Chiara

Se la Ronan si conferma come una delle più brave attrici contemporanee, Billy Howle è una rivelazione. Insieme sono perfetti nel rappresentare una giovane coppia degli anni 60: ingenui, dolci e innamorati ma bravi anche nella parte più tragica, dolorosa eed arrabbiata del film. L'ambientazione è spettacolo per gli occhi, così come i colori dei costumi studiati evidentemente al dettaglio.

lunedì 19 novembre 2018
casomai21

 Il film prende il nome dalla lingua di spiaggia dai sassi levigati dal mare della costa inglese, suggestiva ma fredda ,una  pista strumentale alla drammatica storia senza modificarne l’evoluzione.Trasposizione letteraria di un romanzo di Mc Ewan, che è anche lo sceneggiatore, è un’ opera prima di Dominic Cooke.Viene raccontata grazie alle buone prove di protagonisti [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 novembre 2018
giulia

Un film che finalmente vira dalle solite trame e grazie all'orchestrazione temporale tra flashback e flashforward di McEwan, nonché a quella musicale, affronta un tema poco frequentato ma molto profondo.I due interpreti incarnare l'illusione e l'innocenza del primo amore, vissuto nell'epoca dell'ignoranza e della repressione cattolica, che ancora incombeva sugli anni Sessanta.

giovedì 22 novembre 2018
elle

Non si capisce 'perchè' questi 2 ragazzi si siano sposati. Perchè? In 1 anno (o giù di lì) di fidanzamento, questi 2 ventenni sembrano due grandissimi & affettuosi amici. NON 2 fidanzati. Per Florence (tutta presa dai suoi studi di violino) ESISTE la musica. E' di 'quella' che lei è innamorata...e in fondo, si capisce pure che il collega del quartetto con cui suonava, era l'uomo [...] Vai alla recensione »

domenica 18 novembre 2018
cardclau

Parliamo del film Chesil Beach – Il segreto di una notte, del regista Dominic Cooke. Inconsistente, e cercherò di addurre le mie ragioni. Da un romanzo di Ian McEvan, che non ho letto, quindi non so quanto il film lo rifletta con accuratezza. Se lo riflette, e non è farina del sacco di Cooke, mi viene da pensare che Ian McEvan sia più preoccupato della pagnotta che dell’effe [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
sabato 17 novembre 2018
Roy Menarini

L'idea più struggente del romanzo da cui è tratto l'omonimo Chesil Beach diretto da Dominic Cook non è la timidezza dei due giovani sposi repressi dalle circostanze sociali e dall'impaccio. È l'incapacità, tipicamente giovanile, di comprendere come le cose possano cambiare col tempo. E Ian McEwan ha deciso di ambientare il suo breve romanzo - di fatto una novella - in poche ore proprio per questo motivo. Lo scrittore inglese restituisce non tanto il "breve incontro" (in fondo i due protagonisti si conoscono da molto e sono convolati a nozze), bensì l'assurda rinuncia con cui decidono il loro futuro senza offrire al tempo la chance di appianare le incomprensioni e stare e vedere quel che succede.

McEwan, nel suo acutissimo testo, inverte il destino di molti matrimoni. Se solitamente i coniugi lamentano l'arenarsi della passione sessuale e vivono periodi, talvolta infiniti, di delusione erotica, questa giovane coppia trova un ostacolo proprio laddove solitamente l'amore si incendia: il corpo.

E in fondo proprio un romanzo sul corpo sembra essere "Chesil Beach", un corpo sottoposto a un tal numero di convenzioni culturali e censure mentali da non potersi esprimere liberamente, ed essere vissuto come una gabbia. Senza considerare gli aspetti interpretativi più sottili dell'opera letteraria, non è possibile dunque misurare Chesil Beach come film. Probabilmente impossibile da restituire nella sua complessità, la trasposizione - sceneggiata da McEwan stesso, che di tutto può essere accusato tranne che di volersi attenere troppo fedelmente alla lettera - imposta la maggior parte della messa in scena sulla vicinanza dei due personaggi. Diretti in maniera apertamente teatrale, essi offrono il meglio proprio quando lavorano per piccoli spostamenti progressivi del (non) piacere, promettendosi un esito che non sarà quello previsto. L'acme raggiunto da Edward è una vergogna, e invece che essere liquidato con una risata da entrambi, si trasforma in una macchia umana che è impossibile lavare se non con decisioni frettolose e fatali.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 12 novembre 2018
Natalia Aspesi
La Repubblica

Erano giovani, freschi di studi, e tutti e due ancora vergini in quella loro prima notte di nozze, nonché figli di un tempo in cui affrontare a voce problemi sessuali risultava semplicemente impossibile». Nelle prime tre righe di Chesil beach (Einaudi 2007) Ian McEwan ha già raccontato tutto. Nel film tratto dal romanzo, pure sceneggiato da McEwan e diretto da Dominic Cooke, le immagini iniziali che [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 novembre 2018
Maurizio Acerbi
Il Giornale

È tratto dal romanzo di lan McEwan questo melodramma ambientato nell'Inghilterra dei primi anni '60, quando le convenzioni sociali pesavano ancora. Ne sa qualcosa Edward, aspirante scrittore di storia, che si innamora della ricca violinista Florence. Alla vigilia della prima notte di nozze, scopriamo il loro passato, attraverso una serie di flashback.

sabato 17 novembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

I rapporti sessuali cominciarono nel millenovecentosessantatré tra la fine del bando a Lady Chatterley / e il primo LP dei Beatles". Lo scrive Philip Larkin nel 1967, in una poesia intitolata "Annus Mirabilis". Preciso preciso, Ian MeEwan colloca il suo romanzo "Chesil Beach" nel 1962. Edward e Florence cominciano la luna di miele in un bell'albergo sulla spiaggia, facendosi servire la cena in camera. [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 novembre 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Oggi li manderemmo da un terapeuta della coppia. Nei primi anni '60 pre rivoluzione sessuale, invece, lei&lui ventenni, ambiziosa ricca violinista e povero ma promettente storico, distruggono il matrimonio nel giorno delle nozze incapaci di capire dove la mente puritana sta tradendo il corpo. Educazione? Traumi d'infanzia? Dal celebre romanzo. Al contrario del Verdetto, questa volta lan McEwan sceneggiatore [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 novembre 2018
Giovanna Branca
Il Manifesto

È una spiaggia inglese livida e battuta dal vento il teatro della scena madre di Chesil Beach - il film di Dominic Cooke tratto dal romanzo omonimo di Ian McEwan, anche sceneggiatore - il momento della rottura, dell'esplosione dell'incomprensione e del risentimento fra una giovanissima coppia al primo giorno di nozze - il luogo dove prende forma il loro destino.

NEWS
RECENSIONI
mercoledì 14 novembre 2018
Marzia Gandolfi

Inghilterra, 1962. Edward Mayhew e Florence Ponting hanno appena detto 'sì', la loro vita coniugale può cominciare. A passeggio sulla spiaggia di Chesil Beach, marito e moglie raggiungono la camera di un hotel della costa dove si ritrovano soli, vergini [...]

TRAILER
venerdì 19 ottobre 2018
 

Chesil Beach è la storia dell'amore tra la ricca e ambiziosa violinista Florence e il modesto e promettente storico Edward, prigionieri dei tabù di un'epoca e delle convenzioni familiari e sociali nell'Inghilterra dei primi anni '60, pochi anni prima [...]

BIZ
mercoledì 9 novembre 2011
Robert Bernocchi

Dopo l'enorme successo di Twilight, è naturale che ci sia grande attesa per l'adattamento de "L'ospite", un altro romanzo di Stephenie Meyer. Per ora si sapeva che a dirigere la pellicola sarebbe stato Andrew Niccol (Gattaca), mentre la protagonista avrà [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
Scream 2.Sezon izle | Life - Origine Inconnue FRENCH HDRiP MD 2017 | DVDRIP/MD