Aharon Handwritten Brush Font | Eddie And The ... | Below Deck - Season 6

Soldado

Film 2018 | Azione +13 124 min.

Titolo originaleSicario: Day of the Soldado
Anno2018
GenereAzione
ProduzioneUSA, Italia
Durata124 minuti
Al cinema299 sale cinematografiche
Regia diStefano Sollima
AttoriBenicio Del Toro, Josh Brolin, Isabela Moner, Jeffrey Donovan, Catherine Keener Manuel Garcia-Rulfo, Matthew Modine, Shea Whigham, Elijah Rodriguez, Howard Ferguson Jr., David Castaneda, Catherine Haun, Rob Franco, Chris Adams.
Uscitagiovedì 18 ottobre 2018
TagDa vedere 2018
Distribuzione01 Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,59 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Stefano Sollima. Un film Da vedere 2018 con Benicio Del Toro, Josh Brolin, Isabela Moner, Jeffrey Donovan, Catherine Keener. Cast completo Titolo originale: Sicario: Day of the Soldado. Genere Azione - USA, Italia, 2018, durata 124 minuti. Uscita cinema giovedì 18 ottobre 2018 distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 299 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,59 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Soldado tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La lotta al narcotraffico fra Stati Uniti e Messico si è inasprita. Per combattere questa guerra, l'agente Matt Graver dovrà unire le forze con il misterioso Alejandro Gillick. Al Box Office Usa Soldado ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 48,7 milioni di dollari e 19 milioni di dollari nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,59/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,67
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
CERCA IL FILM NEI CINEMA DI
|
Un western che riposa sul movimento, lascia affamati e disegna la mappa di una criminalità che è ovunque e da nessuna parte.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 9 ottobre 2018
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 9 ottobre 2018

Sempre meno redditizio, il traffico di droga viene convertito dai cartelli in traffico di essere umani. Lungo il confine messicano e in mezzo ai clandestini si insinuano terroristi islamici che minacciano la sicurezza degli Stati Uniti. Un attentato-suicida in un supermercato texano provoca una reazione forte del governo americano che incarica l'agente Matt Graver di seminare illegalmente il caos ristabilendo una parvenza di giustizia. Graver fa appello ancora una volta ad Alejandro, battitore libero guidato da una vendetta che incontra vantaggiosamente le ragioni di Stato. Alejandro, che se ne infischia della legalità, rapisce la figlia di un potente barone della droga prima di diventare oggetto di una partita di caccia orchestrata dalla polizia messicana corrotta e da differenti gruppi criminali desiderosi di mettere le mani sull'infante. Diventata un rischio potenziale, bisogna liberarsene. Ma davanti a una scelta infame, Alejandro rimette in discussione tutto quello per cui si batte e tutto quello che lo consuma da anni.

Uscito nel 2015, Sicario trovava lungo una frontiera assolata e brulla gli elementi di una nuova mitologia americana-messicana. In quella striscia di confine mortale contro cui si infrangono tutte le barriere morali, Denis Villeneuve precipitava un'agente dell'FBI idealista che approcciava di sponda la violenza primitiva dei cartelli.

Tre anni dopo, congedato il personaggio di Emily Blunt e sostituita la distanza critica con la rappresentazione frontale di quella violenza, Soldado di Stefano Sollima prosegue il viaggio creando una continuità geografica con l'episodio precedente. Se Sicario si svolgeva essenzialmente in Arizona, Soldado si muove sul versante messicano della frontiera che incrocia le traiettorie fisiche e l'arco narrativo dei personaggi. Un nuovo western agito tra Nord e Sud: Matt Graver (Josh Brolin) penetra le linee di demarcazione col Messico come un proiettile micidiale, Miguel Hernandez (Elijah Rodriguez) conduce migranti clandestini oltre la frontiera messicana.

In mezzo, in questo incessante andirivieni geografico, tra la balcanizzazione dell'ordine interno e la perturbazione di tutti i valori da parte di coloro che pretendono di rappresentarli, Alejandro (Benicio Del Toro) percorre strade segrete, passaggi intimi (s)cambiando la divisa da killer con l'abito del paladino. Tutto in Soldado riposa sul movimento, un movimento che descrive una linea dritta, geometrica, quasi astratta, fatta di coreografie balistiche: imboscate sulle strade deserte del Messico, combattimenti a fuoco, esecuzioni sommarie. Il mondo che descrive il film è di una vaghezza permanente, uno spazio fluido dove il traffico di stupefacenti degenera in tratta umana e la politica estera americana verso il regolamento di conti.

In senso ostinato e contrario procede il protagonista, che non tira più su ogni cosa che si muove per vendetta personale ma è 'al servizio' dell'FBI prima e di un'adolescente impaurita dopo e nel tempo di un singolare tragitto iniziatico. Al surplus di violenza e di brutalità estrema, Sollima affianca un racconto dove l'umano e il compassionevole riprendono progressivamente il loro posto. Diversamente, Sicario faceva dei suoi pistoleri dei monoliti di cui finiva presto per disinteressarsi. Il transfert di Alejandro con la figlia del padrino, traumatizzata come la sua dalla violenza di una guerra motivata unicamente dalla propria perpetuazione, lo sguardo umido di Matt davanti agli occhi spenti della fanciullezza, aggiungono il cuore alla narrazione mantenendosi a distanza di sicurezza dal cuore. Brolin e Del Toro formano (e rinsaldano) un duo letale, un'alleanza di interessi divergenti ma uniti da un desiderio di caos inestinguibile.

A suo agio con un universo di figure maschili virili e predatori che evolvono oltre la legge (ACAB), Sollima disegna la mappa di una criminalità sotterranea e onnipotente che è dappertutto e da nessuna parte. Un avversario potente, insaziabile, elusivo. Da questa parte della frontiera interroga invece la propensione degli Stati Uniti (ma non solo) a sfruttare le proprie tragedie per attaccare il nemico di turno. La sceneggiatura, sempre di Taylor Sheridan, lavora ancora sulla permeabilità delle forze dell'ordine (e del disordine), in presa diretta con l'attualità geopolitica (lo jihadismo e le politiche occidentali di lotta contro il terrorismo).

Attratto dalla messa in scena della sua morte (I soliti sospetti, Sin City, Che - L'argentino/Guerriglia...), Benicio Del Toro riprende servizio alla frontiera e i panni di un mercenario ambiguo o forse la divisa di un soldato laconico o ancora la disposizione del torturatore persuasivo. Attore volontariamente inaudibile, la sua dizione è monotona e distaccata come venisse dall'oltretomba, Del Toro dona ancora una volta la vita a un personaggio pensando al suo cadavere. Gli occhi pesti e lo sguardo instabile inchiodano il pubblico e lo rimandano al prossimo episodio. Sullo sfondo della miseria dei migranti messicani e sul primo piano della gioventù messicana 'reclutata', Soldado chiude lasciandoci più affamati che sazi.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Gillick sta tornando, e vuole saldare alcuni conti in sospeso.
Overview di Andrea Fornasiero

Dopo aver scoperto che i cartelli della droga messicani stanno aiutando i terroristi a varcare il confine con gli Stati Uniti, la CIA affida a Matt Graver l'incarico di risolvere il problema. La soluzione di Matt è di avvalersi ancora una volta dell'ex sicario dei cartelli Alejandro Gillick, per scatenare una guerra tra bande rivali del traffico di droga. Per Gillick sarà l'occasione di saldare alcuni conti in sospeso, ma in qualche modo nella vicenda finisce coinvolta anche una ragazzina, Isabela Reyes.

"È iniziato tutto con una telefonata. Avevo portato ACAB a Berlino e venni contattato da un'agenzia che mi domandò se mi interessasse essere rappresentato. Hanno iniziato a farmi leggere alcuni copioni, in alcuni casi scritti molto bene che però per una ragione o per l'altra non mi persuadevano. C'erano film molto importanti, ma mi pareva che non aggiungessero nulla a quanto era già stato fatto. Poi, a marzo del 2016, alla quarantesima sceneggiatura, mi è capitato tra le mani Sicario: Day of the Soldado e mi sono detto: questo lo faccio".
Stefano Sollima

Per il regista Stefano Sollima a fare la differenza è stata «anche un'assoluta vicinanza alle tematiche affrontate nel film, che hanno notevole continuità con i miei lavori precedenti. Al di là del racconto, potentemente cinematografico, il film mi dà l'opportunità di continuare l'esplorazione di nuovi mondi criminali, cominciata in Italia molti anni fa». Noto all'estero soprattutto per Gomorra - La serie, questa è per Sollima la prima grande occasione hollywoodiana, che gli ha permesso di baloccarsi con un budget di tutto rispetto, di collaborare con star affermatissime come Benicio Del Toro e Josh Brolin (che in questi mesi sarà protagonista anche in Avengers: Infinity War e Deadpool 2) e di scegliere il resto del cast e dei collaboratori.

Come direttore della fotografia ha per esempio voluto il sodale di Ridley Scott Dariusz Wolski, mentre alla colonna sonora sostituisce il da poco scomparso Jóhann Jóhannsson una sua connazionale islandese, Hildur Guðnadóttir, che già aveva collaborato al film precedente. Nel cast oltre a Del Toro e Brolin torna Jeffrey Donovan (protagonista in Tv di Shut Eye e Burn Notice), mentre sono volti nuovi quelli di Catherine Keener (tra le altre cose da poco vista in Scappa: Get Out), Matthew Modine (di questi tempi impegnato con Stranger Things), Christopher Heyerdal (reduce in Tv da Damnation) e la giovane Isabela Moner, fattasi conoscere con Transformers - L'ultimo cavaliere.

Confermato naturalmente dal film precedente lo sceneggiatore Taylor Sheridan, a cui il progetto di un sequel è stato proposto già nel settembre 2015, quando Sicario era appena uscito in America. Divenuto insolitamente a tempo di record una star negli Usa, Sheridan è tornato anche a cimentarsi nella regia con I segreti di Wind River e sta lavorando alla sua prima serie Tv da autore: Yellowstone con Kevin Costner. Dei protagonisti di Sicario e del suo seguito ha detto: «Matt è un tale patriota che crede il fine giustifichi pienamente i mezzi, mentre Alejandro è disinteressato a queste cose, è apolitico, per lui è una questione personale. Gettare nel terrore le persone che hanno ucciso la sua famiglia è il solo modo che ha di tenere vivo il loro nome. Così queste due persone che non hanno nulla in comune sono legate insieme e formano una strana e triste coppia, che è interessante immergere in nuovi mondi. Sono sconcertato che stiano diventando una sorta di franchise, ma finché mi lasciano scrivere le storie che voglio raccontare accetterò di continuare»

Di Sicario: Day of the Soldado Sheridan ha poi detto che è così cruento da far sembrare il precedente Sicario una commedia, e del resto anche Sollima ne rimarca la durezza: «È inusuale perché molto più vicino alle atmosfere del cinema duro degli anni 70 di quanto la recente produzione hollywodiana non si sia permessa di osare. A volte mi sono sorpreso nel vedere cosa stessimo girando. Da un'industria così attenta ai gusti medi del pubblico, non era ovvio aspettarselo».

Benicio Del Toro ha spiegato come l'assenza di Emily Blunt - il cui personaggio forniva un punto di vista esterno vicino a quello dello spettatore - sia compensata da Isabela. Del resto la scelta di non far tornare Kate è stata presa da Sheridan in fase di sceneggiatura, quando ha deciso che il suo arco narrativo si era già pienamente compiuto con il primo film. L'attore portoricano si è anche espresso sul nuovo regista, definendolo un talento pari a quello di Villeneuve e apprezzandone lo spirito collaborativo: «Stefano ci è dovuto in un certo senso venire incontro, perché io e Josh abbiamo già interpretato questi personaggi, ma credo abbia fatto un buon lavoro nel lasciarci contribuire a come loro agiscono o reagiscono in certe situazioni, è stato molto inclusivo».

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 30 settembre 2018
Ashtray_Bliss

E' pesante l'eredita lasciata da Villeneuve dopo un action-drama indimenticabile come Sicario, e ciò poneva dei seri dubbi e interrogativi riguardo al futuro del franchise. Questo secondo capitolo penso che fosse atteso con grande trepidazione, sopratutto dal pubblico italiano, poichè la posta in gioco era molto alta e altrettanto alto e concreto era il rischio che un regista [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 gennaio 2017
opidum

grande sollima. l'italia decisamente ti sta stretta

Frasi
Volete arrivare fino in fondo? Allora dovrò sporcarmi.
Una frase di Matt Graver (Josh Brolin)
dal film Soldado - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 16 ottobre 2018
Cristina Piccino
Il Manifesto

Tutto comincia con un'esplosione sul confine tra Messico e Stati uniti: un uomo prega e si fa saltare in aria in mezzo alla terra di nessuno dove ogni notte si apre la caccia dei poliziotti americani contro i migranti che cercano di entrare, quel traffico di esseri umani divenuto per le mafie più proficuo della droga. Qualche giorno dopo accade in un supermercato dell'Arizona: morti, feriti, panico. [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 ottobre 2018
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Approdo americano per Stefano Sollima, figlio d'arte (Sergio), campione di genere (Suburra, Gomorra La serie) e successore di Denis Villeneuve nell'intesa trilogia di Sicario. Rispetto a Sicario (2015) del regista canadese, in Soldado cambia quasi tutto: direttore della fotografia (Dariusz Wolski), montatore (Matthew Newman) e pure il focus, che non è più la droga, ma il traffico di esseri umani tra [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 ottobre 2018
Natalino Bruzzone
Il Secolo XIX

Messico di sangue sul confine americano, dove il presi-dente Donald Trump, come un oligarca bolscevico, sostiene un muro di altolà e di feroce contenimento quale monumento all'eterna separazione tra i dannati e gli eroi. Un luogo di tragica dissipazione morale che esplode sia nei romanzi di Don Winslow ("Il potere del cane" e "Il cartello"), dentro la lotta intossicata di corruzione tra il narcotraffico [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 5 luglio 2018
Claudia Catalli

In Italia uscirà solo il 18 ottobre, ma negli Stati Uniti è sbarcato il 29 giugno, sbancando subito il box office con 19 milioni di dollari. Soldado non segna solo l'esordio hollywoodiano di Stefano Sollima, ma marca una linea di demarcazione chiara [...]

BOX OFFICE
lunedì 2 luglio 2018
Andrea Chirichelli

Jurassic World - Il regno distrutto (guarda la video recensione) si conferma leader negli USA con un incasso di 60 milioni di dollari, in calo quasi del 60% rispetto alla settimana d'esordio, arrivando ad un totale di 264,8 milioni di dollari dopo 10 [...]

TRAILER
martedì 19 dicembre 2017
 

La storia si concentra sui protagonisti maschili del primo capitolo, Alejandro, Matt e Steve che decidono di tornare in Messico per scatenare una guerra tra cartelli messicani rivali. Il film, diretto dal regista italiano Stefano Sollima, è il [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati