The Return

Film 2018 | Drammatico 85 min.

Anno2018
GenereDrammatico
ProduzioneDanimarca
Durata85 minuti
Regia diMalene Choi
AttoriThomas Hwan, Karoline Sofie Lee .
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Malene Choi. Un film con Thomas Hwan, Karoline Sofie Lee. Genere Drammatico - Danimarca, 2018, durata 85 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi The Return tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un ibrido tra documentario e fiction, in cui convergono le testimonianze e le esperienze di chi è riuscito a trovare i propri veri genitori.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Critica
Cinema
Trailer
Una malinconica e particolare docu-fiction sulle adozioni internazionali. L'opera prima di Malene Choi colpisce per sensibilità e verità.
Recensione di Fabio Secchi Frau
lunedì 15 ottobre 2018
Recensione di Fabio Secchi Frau
lunedì 15 ottobre 2018

Karoline, una spiritosa ragazza danese, ritorna per la prima volta dai tempi della sua adozione nel suo paese d'origine, la Corea del Sud. Non è un viaggio di piacere. Vuole trovare i suoi genitori biologici. Lì, conoscerà Thomas, un suo coetaneo e connazionale che sta intraprendendo la stessa ricerca. Insieme, andranno incontro non solo a (vere) storie molto simili alle loro, ma anche alle difficoltà burocratiche ed emotive che le persone adottate devono affrontare per scoprire l'identità di chi scelse di lasciarli.

Un ibrido tra documentario e fiction, in cui convergono le testimonianze e le esperienze di chi è riuscito a trovare i propri veri genitori e le immaginarie solitudini interiori di Thomas e Karoline, che sentono un pezzo della loro vita come "non appartenente" al tutto.

Una scelta di genere provocatoria, ma talmente sfumata da essere perfettamente integrata con il racconto di finzione. Forse perchè la regista, Malene Choi (Scuola del Cinema di Copenaghen e numerosi cortometraggi ospitati in vari festival internazionali alle spalle) inserisce se stessa nel background della protagonista. Anche lei, infatti, è danese, è originaria della Corea ed è stata oggetto di un'adozione trasnazionale quando era ancora una neonata.

Così The Return , la sua opera prima, si pone come obiettivo quello di raccontare le storie di questa celata minoranza europea. E lo fa con tutta la modernità e la bellezza che un'opera audiovisiva può avere. Non solo perchè è, per sua natura, un mix di generi e stili bilanciati in maniera ottimale (a tratti, per certe inquadrature, luci e scene ricorda un po' Lost in Translation), ma anche perchè nei contenuti, tratta le conseguenze di questo tipo di adozioni. Una di queste è la frase "non sembri nemmeno asiatica", pronunciata dalla madre adottiva di Karoline per confortarla, quando a scuola subiva il bullismo dei suoi compagni per il suo aspetto. Karoline la ripete a cena con altri ragazzi sudcoreani, raccontando l'accaduto e agitando la mano sul suo volto orientale, come a volerle rispondere oggi "Ma che dici? Tutto questo non ti sembra asiatico?".

Parole d'amore errate, chiaramente. Non c'era nulla che potesse alleviare la sensazione di alterità che Karoline provava ogni volta che si confrontava con i danesi o guardava il suo riflesso. Dopo molti anni, quella sensazione è ancora lì. A tormentarla. Chi sono loro? Chi è mia madre? Perchè mi hanno abbandonato? Che cosa è successo? Il ritorno in Corea ha lo scopo di fornire le risposte a queste domande.

Già, il ritorno. The Return. Un titolo che è una beffa per lo spettatore e per Karoline. Formalmente, si tratta certo di un ritorno, ma l'esperienza della protagonista in Corea è nuova. Il suo paese le è completamente avulso, estraneo. Non sente alcuna familiarità per luoghi, persone, lingua, piatti. Anche l'incontro casuale con Thomas, malgrado ciò che li accomuna, non fa che aumentare la sua alienazione, il senso di incompletezza, il bisogno di fare la nomade contemporanea tra pericolose scalinate rurali e grigi uffici in città. Quasi possiamo avvertire in questo sbandamento, in certe immobilità e nei prolungati silenzi, il rumore di un'identità da ricucire. E più ci si trova di fronte a tasselli apparentemente non corrispondenti, più diventa difficile seguire Karoline.

Il maggior pregio rimane comunque la sapiente struttura. Malgrado sia per metà "a soggetto", non si avverte la finzione. E malgrado sia per l'altra metà "documentario", non si eccede nel sentimentalismo. Il montaggio di Julius Krebs Damsbo, che inverte il prima con il dopo di ogni parte reale, sorregge questa unitarietà, mentre l'occhio (fisso e ravvicinato) e l'orecchio di Malene Choi ci mostrano abilmente i contrasti culturali.

The Return non ha grandi pretese. Ma è un veloce pugno allo stomaco per lo spettatore ogni volta che scopre che il sistema di registrazione delle nascite non è aggiornato, che gli assistenti sociali non sono sempre disponibili ad aiutare gli adottati, che la burocrazia blocca ogni sviluppo sulle indagini. Perchè a volte, c'è anche questo in una vita. Il nulla di fatto. L'attesa infinita. Lo smisurato e viscido ignoto sul quale si avanza con il rischio di scivolare o di rimanere impantanati.

Sei d'accordo con Fabio Secchi Frau?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati
Nummernschild - Kennzeichen Aufkleber - EU Feld in schwarz | Speed Kills 2018 WEB-DL XviD AC3-FGT | WiFi 4K ULTRA HD 1080P 48MP Digital Video Camera Camcorder Recorder DV+Mic+Lens