All tools | Gothic and Renaissance Architecture (Illustrated) | 10 Web Browsers

Sulla mia pelle

Film 2018 | Drammatico +13 100 min.

Regia di Alessio Cremonini. Un film Da vedere 2018 con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Max Tortora, Milvia Marigliano, Andrea Lattanzi. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2018, durata 100 minuti. Uscita cinema mercoledì 12 settembre 2018 distribuito da Lucky Red. Oggi tra i film al cinema in 12 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,39 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sulla mia pelle tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La storia del trentenne romano morto all'ospedale Sandro Pertini il 22 ottobre 2009 mentre si trovava in custodia cautelare. In Italia al Box Office Sulla mia pelle ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 503 mila euro e 244 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,39/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,50
PUBBLICO 3,67
CONSIGLIATO SÌ

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
La cronaca di una discesa agli inferi che rivela le storture del nostro sistema democratico.
Recensione di Paola Casella
mercoledì 29 agosto 2018
Recensione di Paola Casella
mercoledì 29 agosto 2018

L'ultima settimana nella vita di Stefano Cucchi è un'odissea fra caserme dei carabinieri e ospedali, un incubo in cui un giovane uomo di 31 anni entra sulle sue gambe ed esce come uno straccio sporco abbandonato su un tavolo di marmo. Alessio Cremonini ha scelto di raccontare una delle vicende più discusse dell'Italia contemporanea come una discesa agli inferi cui lo stesso Cucchi ha partecipato con quieta rassegnazione, sapendo bene che alzare la voce e raccontare la verità, all'interno di istituzioni talvolta più concentrate sulla propria autodifesa che sulla tutela dei diritti dei cittadini, sarebbe stato inutile e forse anche pericoloso.

Cremonini sposa il racconto della famiglia Cucchi e la loro denuncia di un pestaggio delle forze dell'ordine come causa principale della morte del detenuto affidato alla loro custodia, e anche se non ci mostra direttamente la violenza ce ne illustra ampiamente le conseguenze.

La sua narrazione è imbavagliata e compressa, un po' perché l'iter legale è tuttora in corso, un po' perché questo è un modo efficace per rappresentare il tunnel in cui Cucchi è entrato, le pareti sempre più strette intorno al suo corpo martoriato, fino alla scena in cui la testa di Stefano è letteralmente incastrata fra due supporti che sembrano una morsa, uno strumento di tortura medievale. Intorno a lui si muove un universo magmatico e incolore fatto di rifiuti e ostruzionismi, di autorizzazioni non concesse e responsabilità non assunte, di ottusa burocrazia e di ipocrisia travestita da rispetto delle regole.

Cremonini sceglie di non fare di Cucchi un santino, anzi, ne illustra bene le debolezze e le discutibili abitudini di vita. Stefano acconsente alla propria odissea perché si vive come una "cosa da posare in un angolo e dimenticare": e perciò minimizza, non si fa aiutare, non cerca di rendersi simpatico, alle autorità come al pubblico. Ma è proprio sull'anello debole della catena che si misura la solidità di un sistema democratico, e giustizia, carcerazione e sanità dovrebbero comportarsi correttamente a prescindere dalla stima che nutrono per i soggetti affidati alla loro tutela.

Sulla mia pelle non ha la cruda potenza documentaria di 87 ore di Costanza Quatriglio, né quella capacità di astrazione in grado di sollevare la vicenda dal piano della cronaca verso una più ampia critica di sistema, o una riflessione più profonda sulla natura umana. Ma resta un dignitoso tentativo di restituire corpo e voce ad un essere umano fragile e fallibile finito in un groviglio di dinieghi e brutalità: ed è proprio sulla voce e sul corpo che Alessandro Borghi compie il suo lavoro più prezioso, ritrovando quel tono sfuggente e lamentoso che apparentava Stefano Cucchi ai tanti giovani "sbagliati" di una Roma distratta e indifferente, e quel corpo che negava a se stesso il nutrimento perché si percepiva come irrimediabilmente immeritevole.

Sei d'accordo con Paola Casella?
VIDEO RECENSIONE
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 23 settembre 2018
Emyliu`

Via Crucis di Stefano Cucchi in un film denuncia asciutto e duro. Il regista prende una precisa posizione su un caso non ancora risolto, dalla parte dei familiari, in particolar modo della sorella Ilaria Cucchi che ancora lotta per la verità e la giustizia. La carta vincente del film, che lo rende fruibile ovunque, anche nelle scuole, è la scelta di non rappresentare la scena violenta [...] Vai alla recensione »

martedì 16 ottobre 2018
michelino

 Un film coraggioso e scomodo. In questi tempi 'neri' il solo narrare con obiettività una tragedia come questa a 'ferita ancora aperta' è già di per se un atto ammirevole.   Ma la vera sostanza del film va oltre la mera cronaca  dei fatti  e ci induce ad una riflessione reale su tutti noi,  su cosa siamo diventanti [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 ottobre 2018
aurash

E' una storia vera. E questo film, che è un'opera d'arte, raccontandola con rigore e insieme cogliendone la complessità e restituendone l'intimità la proietta su di un piano universale. Non obbliga a prendere una posizione, ma obbliga a pensare: disagio giovanile e solitudine delle famiglie da una parte, violenza e indifferenza delle istituzioni dall'altra. [...] Vai alla recensione »

martedì 2 ottobre 2018
alesimoni

Il film di Cremonini è un film sociale, duro e necessario, che ci racconta in modo asciutto, mai troppo di parte, un episodio in cui si è manifestata la sospensione dello stato di diritto nel nostro Paese. Il titolo molto azzeccato rappresenta bene l'oggetto dell'opera: una trasformazione fisica e una sofferenza indicibile, resa alla grande da un superlativo Alessandro Borghi [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 settembre 2018
pierowriter

 Un film non deve dare risposte. Piuttosto porre le domande che altri preferiscono glissare. Se l’argomento trattato è tratto da un terribile fatto di cronaca, il compito del regista è quello di ricostruire i fatti sulla base delle inchieste svolte e le dichiarazioni di chi ha vissuto la vicenda in prima persona. E’ come se lo stesso regista debba vestirsi del ruolo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 settembre 2018
Pesca

Prodotto da Netflix e diretto da Alessio Cremonini, "Sulla mia pelle" racconta l'ultima settimana di vita di Stefano Cucchi, trentenne romano morto all'ospedale Sandro Pertini per cause che ancora oggi non sono state accertate. Il giovane è interpretato da Alessandro Borghi, che dà il meglio di sè in questa interpretazione: per immedesimarsi nella parte perde [...] Vai alla recensione »

martedì 18 settembre 2018
mardou_

 Fatto: il 15 ottobre 2009 Stefano Cucchi viene fermato a Roma dai carabinieri, perquisito e trovato in possesso di sostanze stupefacenti per cui ne viene decisa la custodia cautelare. Fatto: il 22 ottobre 2009 Stefano Cucchi muore all’ospedale Sandro Pertini per cause in fase di accertamento. Si soffre, si soffre terribilmente durante tutti i cento minuti di una pellicola che [...] Vai alla recensione »

martedì 18 settembre 2018
Jack Beauregard

Ricordo ancora la rabbia che provai quando vidi Diaz di Daniele Vicari, dove la brutalità e la violenza delle forze dell'ordine fu mostrata con dovizia di particolari. Qui invece, in questo ottimo film di Alessio Cremonini, dove almeno l'aspetto più cruento, il pestaggio, ci è stato (correttamente) risparmiato, a prevalere alla fine, è un senso di infinita tristezza. [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 settembre 2018
Luca Scialo

Alessio Cremonini, al suo secondo film, traspone sul grande schermo il caso di Stefano Cucchi. Lo fa attenendosi ai fatti, ricostruendo in maniera imparziale come andarono le cose. Almeno stando a quanto si sa fino ad ora. Perchè la verità assoluta se l'è portata con sé il povero Stefano, ragazzo che ha commesso tanti errori nella sua vita che però non giustificano [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 settembre 2018
enzo70

La storia di Cucchi viene trattata dai media come una questione giudiziari; si consegnino i colpevoli alla giustizia e che questa faccia il suo corso. La sorella Ilaria chiede giustizia, una parte dell’Italia vuole i colpevoli in galera, si buttino le chiavi; dall’altra parte, capitanati dall’indomito Giovanardi, Cucchi era un tossico, se l’era cercata.

venerdì 28 settembre 2018
Ciolo

Il film si basa su una terribile tragedia... la morte di un ragazzo!, cosa spaventosa, ingiusta... insensata ed avvenuta probabilemente a causa di un ignobile abuso di potere. Su questo non ci sono dubbi, ma chi era questo ragazzo?... il film ne tratteggia una vita normale: corsa, palestra, lavoro.... chiacchere con gli amici... Beh questo non è Vero! Stefano Cucchi era uno spacciatore abituale, [...] Vai alla recensione »

domenica 14 ottobre 2018
Lettina

Purtroppo, al contrario di come affermato dal generale comandante dei carabinieri Giovanni Nistri, che "Non è stata violenza di Stato, solo di alcuni" ritengo (anche per esperienza personale) che il comportamento violento e aggressivo dei carabinieri sia molto generalizzato e che il caso Cucchi sia solo la punta di un enorme iceberg, venuto alla luce, nonostante la perseveranza della [...] Vai alla recensione »

sabato 13 ottobre 2018
Cinzia.cip

Non è un capolavoro ma non nasceva sicuramente con quell'intento.  L'impronta è fra film e documentario, in realtà ci sono pochi elementi per rendere interessanti 90 min. di pellicola. Ci sono campi sequenza lunghi degni di Sorrentino ma che quasi annoiano per il "piattume" dei corridoi delle caserme.

domenica 16 settembre 2018
pino orta

Film da vedere assolutamenti con un Borghi da oscar. Un groppo alla gola.

mercoledì 10 ottobre 2018
Ferrari3

Con tutto il rispetto della vicenda, e verso i fatti reali, questo film non è per niente interessante, molto noioso e con poco dialogo, non lo consiglio.

NEWS
NETFLIX
mercoledì 12 settembre 2018
Roy Menarini

La storia giudiziaria del caso Cucchi è ancora in corso, e molti motivi avrebbero sconsigliato la produzione di un film sulla vicenda, con personaggi reali, nomi e cognomi. Sulla mia pelle è stato realizzato a dispetto di questi timori, scegliendo di invertire il processo narrativo: non un film che nasce dalla cronaca per approfondirne i temi e rifocillare il dibattito pubblico, bensì un film che cristallizza la materia - già più che sufficiente - per farne altro. Il centro simbolico - e concreto al tempo stesso - è Stefano Cucchi, non il meccanismo che lo ha stritolato in una serie di abusi, errori, inadempienze che toccherà alle future corti (la Cassazione ha riaperto uno dei due filoni; il secondo è nuovo e recente) analizzare ed eventualmente sancire.

Prendendo probabilmente a modello Hunger di Steve McQueen - che aveva identificato nella prigionia e sofferenza del corpo il dato materico su cui impostare una riflessione poetica sul detenuto - anche Sulla mia pelle diventa la storia di un corpo.

Troppo spesso considerato, nella cultura occidentale, un rivestimento dell'anima o una custodia superficiale di contenuti metafisici e spirituali, il corpo umano è invece tutto quello che abbiamo. Ed è quello che interessa al luogo di detenzione separare dal mondo dei liberi, ed è quello che spesso riceve il maggior danno - insieme a quello psicologico - dal luogo di cattività. Con Cucchi si va oltre, perché il problema non è solamente nel grave pestaggio subito, ma nella mancanza di cure e di attenzioni che tutta la catena di medici e ospedali carcerari mette in atto.

Frasi
Io mi dichiaro innocente per quanto riguarda lo spaccio e colpevole per quanto riguarda la detenzione.
Una frase di Stefano Cucchi (Alessandro Borghi)
dal film Sulla mia pelle - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 30 agosto 2018
Emiliano Morreale
La Repubblica

Non era per niente semplice realizzare un film tratto dal caso del trentenne Stefano Cucchi, arrestato a Roma con l'accusa di detenzione e spaccio il 15 ottobre del 2009 e restituito morto alla famiglia, pieno di lividi, una settimana dopo. Dopo il processo che si concluse nel 2015, sul caso è stata riaperta un'inchiesta con il rinvio a giudizio di alcuni carabinieri; la ricostruzione cinematografica [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Silvana Silvestri
Il Manifesto

Durissimo e preciso nel colpire là dove deve andare a segno senza deviazioni di percorso Sulla mia pelle di Alessio Cremonini accompagna con rara umanità fino alla morte la settimana di agonia di Stefano Cucchi. È noto il caso della morte in carcere del giovane geometra arrestato per detenzione, spaccio e uso di stupefacenti, il più conosciuto dei 176 casi di decessi in carcere nel 2009.

giovedì 30 agosto 2018
Francesco Alò
Il Messaggero

Si può realizzare un bel film da una storia orribile? L'ha fatto Alessio Cremonini con "Sulla mia pelle", agghiacciante ricostruzione di ciò che accadde a Stefano Cucchi (Alessandro Borghi) a partire da quella notte romana quando venne arrestato per spaccio. Davanti al suo corpo sfileranno carabinieri, giudici, avvocati e dottori in quei 7 giorni in cui viene sballottato da una caserma all'altra fino [...] Vai alla recensione »

sabato 22 settembre 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Prima la versione populista: "Il vincitore della Mostra di Venezia appartiene a tutti, non solo all'élite degli abbonati Netflix". Poi la versione cineforum: "Grazie per essere venuti qui, anche se il film è su Netflix", ha detto Alessandro Borghi al cinema Ambrosio di Torino, dopo la proiezione (il film ha aperto la sezione Orizzonti alla Mostra di Venezia, la giuria distratta non gli ha dato neanche [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 settembre 2018
Lee Marshall
Condé Nast Traveller

Due sistemi. Uno privato, interno, gestito dai suoi componenti, una famiglia piccolo borghese che soffre in silenzio la croce di un figlio "difficile" che a sua volta soffre in silenzio quando viene picchiato dalla polizia, perché i duri fanno cosi. L'altro pubblico, in teoria aperto, in teoria tenuto a rispondere dei suoi errori e a correggerli prima che sfocino in tragedia, ma in realtà chiuso e [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 settembre 2018
Alessandra De Luca
Avvenire

Gli ultimi sette giorni della vita di Stefano Cucchi, 31 enne ragioniere romano morto all'ospedale Sandro Pertini di Roma il 22 ottobre 2009 mentre si trovava in custodia cautelare. Diretto da Alessio Cremonini e interpretato da uno straordinario Alessandro Borghi, calatosi con sensibilità e intelligenza nel ruolo del giovane sulla cui drammatica vicenda non è stata ancora messa la parola fine, Sulla [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Fulvia Caprara
La Stampa

Non solo un'interpretazione mimetica. Non solo una prova attoriale, in linea con gli standard hollywoodiani. Non solo una stupefacente trasformazione fisica, seguita alla dieta che gli ha fatto perdere 18 chili. Nel modo con cui Alessandro Borghi è diventato Stefano Cucchi, nel film di Alessio Cremonini «Sulla mia pelle», c'è qualcosa di più. L'adesione profonda all'odissea del protagonista, il desiderio [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Valerio Caprara
Il Mattino

Ritorna il cinema d'impegno all'italiana, sulla scia del filone degli anni '60 e '70 in cui rientrano i film diretti in quel periodo, tra gli altri, da Pontecorvo, Rosi, Petri, Montaldo o Damiani: «Sulla mia pelle» non è, però, uno di quei film già visti ancora prima d'entrare in sala perché persegue un certo equilibrio tra l'assurdità e la durezza degli eventi rievocati e la giusta distanza che è [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 settembre 2018
Silvana Silvestri
Il Manifesto

Durissimo e preciso nel colpire là dove deve andare a segno senza deviazioni di percorso Sulla mia pelle di Alessio Cremonini accompagna con rara umanità fino alla morte la settimana di agonia di Stefano Cucchi. È noto il caso della morte in carcere del giovane geometra arrestato per detenzione, spaccio e uso di stupefacenti, il più conosciuto dei 176 casi di decessi in carcere nel 2009.

NEWS
[LINK] FESTIVAL
giovedì 11 ottobre 2018
 

Sarà Sulla mia pelle (guarda la video recensione), drammatico racconto del regista Alessio Cremonini dedicato alla storia di Stefano Cucchi e alla settimana che cambiò per sempre la vita della sua famiglia a inaugurare, giovedì 11 ottobre a Pistoia, [...]

BOX OFFICE
giovedì 13 settembre 2018
Andrea Chirichelli

Ottimo esordio, vista l'esiguità di sale a sua disposizione, per Sulla mia pelle (guarda la video recensione), che apre al sesto posto della classifica italiana con 43mila euro e poco meno di 7mila spettatori.

VIDEO RECENSIONE
venerdì 7 settembre 2018
A cura della redazione

L'ultima settimana nella vita di Stefano Cucchi è un'odissea fra caserme e ospedali, un incubo in cui un giovane uomo entra sulle sue gambe ed esce come uno straccio abbandonato su un tavolo di marmo. Cremonini racconta una delle vicende più discusse [...]

NETFLIX
mercoledì 12 settembre 2018
Roy Menarini

La storia giudiziaria del caso Cucchi è ancora in corso, e molti motivi avrebbero sconsigliato la produzione di un film sulla vicenda, con personaggi reali, nomi e cognomi. Sulla mia pelle è stato realizzato a dispetto di questi timori, scegliendo di [...]

NEWS
mercoledì 1 agosto 2018
 

Sulla mia pelle, emozionante racconto degli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi e della settimana che ha cambiato per sempre la vita della sua famiglia, dal 12 settembre sarà contemporaneamente al cinema e in streaming su Netflix, che lo renderà disponibil [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati